BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gandi attacca l’opposizione “Per la violenza a Treviglio non vi scandalizzate?”

Il vicesindaco e assessore alla Sicurezza di Bergamo Sergio Gandi polemizza con i consiglieri Ribolla, De Rosa e Tremaglia su Facebook: “Perchè non manifestate la stessa verve polemica per l'escalation di violenza che durante l'amministrazione di centrodestra sta caratterizzando Treviglio?”.

Più informazioni su

“Le polemiche vuote e prive di ragionevole fondamento, alla fin fine, si ritorcono tutte verso chi le promuove”: il commento, sibillino, arriva dal vicesindaco e assessore alla Sicurezza di Bergamo Sergio Gandi che, sottolineando l’escalation di violenza che ha caratterizzato negli ultimi giorni la zona della Bassa bergamasca e Treviglio in particolare, ha bacchettato i consiglieri comunali dell’opposizione Alberto Ribolla, Davide De Rosa e Andrea Tremaglia.

Sul proprio profilo Facebook ufficiale, Gandi non ha nascosto che le critiche che sono state rivolte all’amministrazione cittadina nei giorni e nelle settimane scorse non siano affatto piaciute: in consiglio comunale Lega Nord, Lista Tentorio, Forza Italia e Fratelli d’Italia avevano presentato una richiesta unitaria di convocazione di una seduta straordinaria incentrata sulla sicurezza e chiesto che l’amministrazione riferisse, entro 40 giorni, di alcuni fatti di cronaca avvenuti in città, dall’omicidio in via Moroni all’aggressione in piazzale Marconi.

Il capogruppo della Lega Nord Alberto Ribolla aveva chiamato in causa direttamente Sergio Gandi, chiedendo risposte puntuali: “La sicurezza percepita dai cittadini non corrisponde alle denunce effettive – aveva attaccato in consiglio Ribolla – Non riguarda solo i furti e le rapine, ma anche l’accattonaggio, gli abusivi, lavavetri e questuanti, le occupazioni. Senza dimenticare ovviamente gli ultimi gravi episodi”.

“Mi sembra di aver capito che Gori faccia mettere la faccia a Gandi sulle cose spiacevoli come la sicurezza – aveva aggiunto il capogruppo di Fratelli d’Italia Andrea Tremaglia -. Noi ci siamo mossi in maniera costruttiva, senza gridare, con una proposta concreta dell’operazione strade sicure”.

Ora Gandi risponde e sollecita i tre consiglieri ad indignarsi anche per i fatti di Treviglio, comune guidato da un’amministrazione a loro vicina: “Cari Ribolla, De Rosa e Tremaglia, perché, visto l’omicidio di Treviglio, non manifestate la stessa verve polemica, non vi scandalizzate, come avete fatto qualche giorno fa, con il Sindaco Pezzoni ed il vicesindaco Imeri (dei vostri partiti) per l’escalation di violenza che, durante l’Amministrazione di centrodestra, sta caratterizzando, appunto, Treviglio? Le polemiche vuote e prive di ragionevole fondamento, alla fin fine, si ritorcono tutte verso chi le promuove”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da orechedubale

    Che bello polemizzare col vicesindaco in persona…

  2. Scritto da Pier

    L’assrssore anziché fare polemiche pensi a garantire la sicurezza ai cittadini da lui amministrativa, visto che ha la delega alla sicurezza e pensi anche a risolvere, mediante un presidio l”annoso problema delle centinaia di giovani che si radunano al sabato sera d’innanzi al Tribunale per la movida e che deturpano il centro e creano problemi di sicurezza.

    1. Scritto da O Capìt

      Nel senso che le polemiche sono ad uso esclusivo della lega che le comincia ? Dopo di che bisogna stare zitti ?

      1. Scritto da Pier

        io non sono affatto leghista ma un cittadino che gradirebbe fosse risolto il problema citato che é ben conosciuto e che sino ad ora nulla é stato fatto. Durante le udienze del Processo Bossetti l’area in argomento é ultra presidiata dalle forze dell’ordine con particolare riferimento alla Polizia Locale quando in tali circostanze vi sono solo giornalisti e qualche curioso, mentre al sabato sera quando ci sono centinaia di giovani che ne combinano di tutti i colori non si vede nessuno.

  3. Scritto da coniatore

    Più o meno quello che fa lui con gli attentati nel mondo, per quelli francesi si scandalizza e organizza in piazza giunte e fiaccolate, per gli altri attentati invece era distratto da chi sa cosa, in realtà ogni politico con la p minuscola si comporta cosi, usa i morti o la violenza in modo cinico e divide tra amici e nemici rinfacciando all’avversario politico di turno il silenzio sui fatti, per puro scopo elettorale, i morti sono un mezzo non innocenti di pari dignità

  4. Scritto da SEMPLICE

    perchè a Treviglio si sta lavorando per una coalizione che comprenda: Forza Italia, Lega, Noi per Treviglio, civica di Mangano e nuova civica di Pezzoni.
    Come fanno ad attaccarsi fra di loro mentre stanno facendo pace per allearsi?

  5. Scritto da trabuk

    perchè a treviglio nessuno dice che va tutto bene, che non esistono problemi di sicurezza ergendosi a paladini dei diritti di cani e proci. senza nascondersi dietro ad un dito che ciò che ha fatto il sindaco sia vergognoso e avrebbe dovuto dimettersi il giorno stesso in cui si è saputo delle sue bugie vergognose o quanto meno avrebbero dovuto cacciarlo gli altri consiglieri di maggioranza

  6. Scritto da oreste

    I fatti sono avvenuti a Treviglio che, volendo ben guardare, non e’ un quartiere di Bergamo.
    Dai Gandi, alla stazione servono sicurezza, controlli e presidi NON le piantine di gerani o begonie….

    1. Scritto da Oremus

      Forse non hai capito , a Gandi e a chiunque altro di buonsenso da fastidio il fatto che a fronte di atti di violenza è colpa del sindaco ma soltanto se il sindaco non è leghista. Accertato e confermato con bollino blù.

      1. Scritto da Orelight

        Grazie per l’illuminata osservazione ma nell’articolo si cerca di “collegare” fatti e reazioni avvenute in due luoghi nettamente distanti. Per il resto le beghe fra politici sono il loro pane quotidiano. Mentre noi e Lei anneghiamo nella M….

        1. Scritto da Oremus

          Non c’è di che , sempre felice di illuminarla. P.S. In tutte le situazioni cui si fa riferimento i fatti avvengono in luoghi distinti e distanti, cambia solo il colore del sindaco, niente di nuovo.
          Il fatto che ci siano comunque dei problemi è una variabile indipendente che ha poco a che fare col merito dell’osservazione.