BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Note in circolo” A Casnigo concerto live di Eleuteria

Venerdì 20 novembre a Casnigo si tiene il concerto live di "Eleuteria". L'iniziativa rientra tra le proposte della rassegna "Note in circolo".

A Casnigo si tiene il concerto live di "Eleuteria". L’appuntamento è venerdì 20 novembre alle 21 al circolo Fratellanza.

Sul palco Eleuteria sarà accompagnata da Ottavia Marini al pianoforte e da Maddalena Fasoli al violino.

Eleuteria è una musicista dalla formazione classica – è diplomata al conservatorio Dall’Abaco di Verona – che ama sconfinare nel pop d’autore sulle orme di artiste come Bjork, St. Vincent e Tori Amos.

Accompagnata dal suo fidato violoncello, Eleuteria scrive canzoni vorticanti e leggiadre come architetture volatili, che parlano di lei ma si rivolgono al mondo con quell’inquietudine tutta umana che grazie alla musica, alla voce e alle parole diventa cielo, terra, aria e quanto di incanto e mistero essi si portano dietro. Ha pubblicato nel 2012 un omonimo ep d’esordio che l’ha portata nei mesi successivi ad aprire un concerto di Paolo Fresu e Uri Caine, a collaborare con il compositore Roberto Cacciapaglia, a scrivere musica per il cinema e a suonare in giro per l’Europa con il progetto di musica elettronica Dissonant. Tutte tappe di un percorso che l’hanno condotta alla pubblicazione, proprio in questi giorni, del nuovo singolo “A metà”,  come anticipazione di un nuovo lavoro discografico in uscita nei prossimi mesi.

Un brano che verrà accompagnato a breve anche da un videoclip per la regia di Alessandra Pescetta, ambientato nella suggestiva cornice di un hotel abbandonato a Riva del Garda. “’A metà’ – racconta Eleuteria – rappresenta bene la condizione umana. È quella sensazione che ci fa muovere gli uni verso gli altri, che genera desiderio, ma anche paura, moto e stasi. Ognuno ha in sé una metà mancante, un vuoto che ci sembra incolmabile, e magari lo è davvero… cerchiamo di dimenticarcene, ma spesso ci risuona dentro, come la canna vuota di uno strumento musicale. Solo nel vuoto può nascere il nostro Suono, che per me è la musica, ma potrebbe essere qualsiasi altra cosa. Anche se ‘brucia come il sole lasciarti andar via’ questa mancanza a volte è necessaria”.

L’iniziativa rientra tra le proposte della rassegna "Note in Circolo – Women".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.