BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Macondo Biblio Cafè, anche Bergamo ha il suo caffè letterario

Si trova in via Moroni 16 ed è al momento l'unico Book Bar presente a Bergamo. E' il Macondo Biblio Cafè: una sorta di libreria con angolo bar che promuove eventi, iniziative culturali, vernissage, mostre, forum, manifestazioni e che mira a diventare nel tempo un vero e proprio laboratorio culturale.

"Capisci di aver letto un buon libro quando giri l’ultima pagina e ti senti come se avessi perso un amico", Paul Sweeney.

Vero, verissimo.

Ma puoi sempre prenderne un altro…

E in via Moroni 16 a Bergamo è da poco nato un posto dove di ‘amici’ se ne possono conoscere in abbondanza.

Si chiama Macondo Biblio Cafè, ed è al momento l’unico "Book Bar" presente in tutta Bergamo.

Una sorta di libreria con angolo bar che promuove eventi, iniziative culturali, vernissage, mostre, forum, manifestazioni e che mira a diventare nel tempo un piccolo grande laboratorio culturale: dai piccoli concerti alla presentazione di libri, dalle mostre fotografiche all’arte visuale.

Un’idea nata sul modello di quello che è ‘Shakespeare and Company’ a Parigi, la storica libreria situata nel V arrondissement sulla Rive gauche: vecchio centro della cultura anglo-americana e punto di riferimento per i grandi nostalgici della Beat Generation.

"Il tutto, ovviamente, con le dovute proporzioni", ci tiene a precisare il proprietario del locale Fabio Iavarone.

La libreria si divide in tre sezioni: antiquariato, editoria indipendente e sezione junior.

Nella sezione antiquariato sono consultabili più 4.000 opere, da cinquecentine a opere del secondo novecento; dal "libricino" usato al pezzo di antiquariato.

Sull’editoria indipendente, invece, i titoli presenti sono circa 500, tutti pubblicati da case editrici non collegate alla grande distribuzione e con sezioni dedicate a musica, arte, grafica, fotografia e narrativa.

Nella sezione Junior, infine, sono presenti oltre 500 volumi per bambini dai 3 ai 14 anni, tutti consultabili in loco e disponibili al prestito.

Ma anche book crossing e coworking.

Ovvero la possibilità di prendere un libro lasciandone in cambio un altro e usufruire – sull’offerta libera di un emolumento che non sia in danaro – di quattro postazioni da lavoro con servizio internet in wi-fi e di una stampante condivisa. E, a breve, pure di un tablet…

Un luogo dov’è possibile degustare un bicchiere di vino, assaporrare una birra artigianale, sorseggiare un caffè e gustare uno dei prodotti a chilometro zero presenti nel menù di Macondo.

Il tutto, ovviamente, unito al piacere, alla compagnia e alla lettura di un buon libro.

Fabio Viganò

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    Pier Paolo Pasolini: non ce’ futuro senza cultura e libertà. Giusta risposta a bombe e violenza di varia natura. Bravi!

  2. Scritto da Carlo Curto

    Bei tempi in arrivo, allora. Ricordo ancora con rimpianto il primo locale di questo genere, il Caffè Letterario, dove alla sera si poteva pure imparare e poi ballare il Tango argentino.
    Si creava un’atmosfera da film felliniano. Speriamo che si possa fare anche nei due nuovi “book bar”.

  3. Scritto da paoa Suardi

    Da pochissimi giorni ha aperto anche “In dispArte” in via Madonna della Neve a Bergamo, stesso concetto di book bar, luogo di incontro, relax e scambi culturali, e in qs caso anche ristorante. Non sono ancora stata in nessuno dei due locali ma mi rallegro x qs aperture che testimoniano in citta’ un vento positivo di spirito di iniziativa, creativita’, cultura. Daje!