BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lombardini, preoccupazione per i 52 dipendenti di Dalmine e altri 128 in regione

Preoccupazione per i 52 dipendenti di Dalmine, e altri 128 in regione. “Un’altra tegola sui lavoratori ex Lombardini”. Carrefour restituisce i supermercati. Citerio, Cisl: “Allertata anche l’amministrazione comunale”.

Ennesima tegola nella vicenda Lombardini che, manco a dirlo, cade sulla testa dei lavoratori. Dei 52 dipendenti del Gros Market di Dalmine, per esempio, che poco più di due anni fa, insieme ai 128 colleghi dei punti vendita Lombardini in tutta la regione (Cologno Monzese, Cernusco sul Naviglio, Lecco, Costa Masnaga e Montano Lucino), passarono, tra il 14 e il 25 gennaio 2013, con la formula del contratto di affitto di azienda a GS Spa, canale all’ingrosso del gruppo Carrefour, il colosso francese della grande distribuzione che in questi giorni ha annunciato l’intenzione di recedere dallo stesso contratto, “aprendo una situazione – denuncia Alberto Citerio, segretario generale di FISASCAT CISL Bergamo – che non lascia presagire positivi orizzonti per i lavoratori”.

Nella lettera che annuncia la scelta, GS scrive che “ha esercitato recesso unilaterale dei contratti di affitto e conseguentemente intende retrocedere gli esercizi commerciali a Gros Market. Il trasferimento dei suddetti esercizi commerciali è previsto entro il prossimo 31 marzo”.

Se si concretizzasse il recesso, e non avendo più il Gruppo Lombardini alcuna attività commerciale in essere, la data del prossimo 31 marzo potrebbe far presagire che questi stessi punti vendita potrebbero essere chiusi, e tutti i dipendenti lasciati senza lavoro.

“I negozi devono proseguire la loro attività – dice Citerio – . Dalmine deve proseguire la sua attività, anche solo per quello che il Gros Market rappresenta, dal punto di vista sociale e “storico” per la città che lo ospita. E anche e soprattutto per le 52 famiglie che su di esso fanno conto per il proprio sostentamento. Sarà importante, ora, capire i perché di questa scelta gravissima. Abbiamo già contattato l’amministrazione comunale, che ci ha dato ampia disponibilità a trovare una soluzione. Soluzione, però, che in un primo tempo deve ricadere sulla responsabilità di Carrefour e di Lombardini. O i primi recedono dalla loro intenzione, e proseguono l’attività, oppure i vecchi proprietari si dovranno attivare per trovare un nuovo operatore che rilevi la Gros Market, garantendo la continuità occupazionale prevista dall’accordo che Fisascat firmò meno di due anni fa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carlo57

    Spiace vedere sull’orlo del baratro ancora altri dipendenti. Sta di fatto che i prezzi dei vari prodotti all’ingrosso non erano più così vantaggiosi, essendo allineati a quelli dei comuni supermercati