BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non luogo a procedere” per le camicie verdi leghiste Calderoli: “Giustizia è fatta”

Sono stati scagionate le 31 persone accusate di aver organizzato un'associazione di carattere militare attraverso la “Guardia nazionale padana”, le camicie verdi della Lega Nord.

Più informazioni su

Sono stati scagionate le 31 persone accusate di aver organizzato un’associazione di carattere militare attraverso la “Guardia nazionale padana”, le camicie verdi della Lega Nord. L’accusa è scattata nel lontano 1996 contro il servizio d’ordine organizzato per controllare le manifestazioni del Carroccio. Il giudice per l’udienza preliminare Tino Palestra ha decretato mercoledì mattina, 18 novembre, il “non luogo a procedere”.

Esulta il senatore bergamasco Roberto Calderoli: “Verrebbe da dire giustizia è fatta davanti alla notizia dell’assoluzione piena dei 34 cittadini eternamente imputati nel processo a Verona sulle ‘camicie verdi’. Ma in questo momento insieme alla soddisfazione per la conclusione di questa assurda e lunghissima vicenda processuale, c’è anche un senso di frustrazione e rammarico, perché questo processo, così lungo, impegnativo e costoso, non avrebbe mai dovuto neppure iniziare, trattandosi solo di opinioni liberamente espresse, senza che mai ci fosse stato un singolo atto di violenza o prevaricazione. Questo processo alle idee non doveva mai neppure iniziare e invece si è trascinato quasi per vent’anni e questo rappresenta una sconfitta, in primis per la procura di Verona che fino ad oggi fortemente si è impuntata su questo processo, senza mai neppure arrivare ad una sentenza in conclusione di un dibattimento di primo grado, ma soprattutto per la giustizia italiana, che ha tenuto per quasi vent’anni questi 34 uomini in ostaggio di un processo basato sul nulla”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sheldon cooper

    ma voi vivete nel paese in cui ci sono voluti 40 anni di processi, quasi sempre per NON avere colpevoli nelle varie stragi degli anni 70, e vi scandalizzate per 34 imputati che, da quanto ho capito, non han fatto nemmeno un giorno di galera?!? e parlate di magistratura politicizzata, di complotti contro i leghisti e cose del genere. andatelo a raccontare alle migliaia di familiari delle vittime.

    1. Scritto da + verande x tutti

      Lo squallore del tuo commento è disarmante. Primo: vorrei vedere te essere trattato per vent’anni come un delinquente e dover vendere la casa per pagare gli avvocati. Secondo: si capisce lontano un km che ce l’hai coi leghisti che ai tuoi occhi sono colpevoli a prescindere perchè non la pensano come te. Ogni ulteriore considerazione mi pare superflua: ti ho già dedicato troppo tempo, non lo meriti.

  2. Scritto da Padania Celtica

    20 anni non sono mai giustizia. MAI.

    1. Scritto da + verande x tutti

      Certo che è giustizia: preventiva, patrimoniale, politica, ma sempre giustizia. E’ quella che ci meritiamo in questo paese del piffero. Non sarebbe meglio l’elezione diretta dei giudici? Chi sbaglia non viene rieletto; anche se non paga di persona la sua carriera verrebbe stroncata e avanzerebbero solo quelli che fanno davvero l’interesse del popolo.

      1. Scritto da no

        no, non sarebbe meglio. anzitutto perché non credo che il cittadino comune abbia gli strumenti per valutare il lavoro di un giudice, ma anche e soprattutto perché magistratura e politica devono viaggiare su binari paralleli, ma non devono mai incontrarsi… sig. verande lei, ad esempio, sarebbe sempre contrario ad un giudice che ha condannato un leghista, perché per lei ha sbagliato di sicuro. mi corregga se sbaglio, ma la sensazione che da è proprio questa.

  3. Scritto da Arturo

    Papalia risarcisca i soldi sprecati per un’indagine demenziale ai contribuenti e agli indagati, che hanno dovuto spendere un mucchio di sodi in avvocati, adesso! Ma non pagherà mai,come tutti i magistrati, che credono di essere padreeterni

  4. Scritto da Contardo

    Proprio così, che figuraccia per la nostra giustizia iper-politicizzata, che procede a seconda del colore della bandiera dell’imputato, salvo fare retromarcia se il clima politico cambia.

  5. Scritto da Franz

    certo, vien da pensare ai vent’anni persi nel nulla, in un paese dove i Servizi d’Ordine di Sindacati e Partiti (incredibili erano quello del P.C.I. e ancora adesso CGIL) hanno operato, giustamente, senza che fosse sollevato alcun problema.
    Purtroppo la Giustizia dall’occhio guercio colpisce ancora … sarà la Storia a stigmatizzare il nostro tempo come il periodo della DOPPIA GIUSTIZIA…. Che figura..!!!