BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Esodo di forze dell’ordine dalla Lombardia al Giubileo La Lega: “Inaccettabile”

La Lega Nord ha presentato una mozione in Regione per chiedere di trattenere in Lombardia gli agenti delle forze dell'ordine in servizio durante Expo. Con il Giubileo che presto inizierà a Roma però c'è il rischio che vengano trasferiti non solo carabinieri e poliziotti di Expo, ma anche altri che ogni giorno presidiano il territorio lombardo.

La Lega Nord ha presentato una mozione in Regione per chiedere di trattenere in Lombardia gli agenti delle forze dell’ordine in servizio durante Expo. Con il Giubileo che presto inizierà a Roma però c’è il rischio che vengano trasferiti non solo carabinieri e poliziotti di Expo, ma anche altri che ogni giorno presidiano il territorio lombardo. La Lega Nord promette battaglia: “Per colpa del Governo Renzi presto in Lombardia assisteremo a un vero e proprio esodo di Forze dell’ordine, proprio ora che la criminalità è alle stelle.”

“La situazione non poteva essere peggiore – spiega il consigliere regionale Fabio Rolfi – perché oltre a privare la nostra Regione degli agenti messi a disposizione per Expo 2015, il Governo, con la scusa del Giubileo a Roma, ha dato il nullaosta a tutti i trasferimenti. La vicenda si può riassumere in questo modo: per far fronte alle esigenze di sicurezza per il Giubileo a Roma, il Ministero dell’Interno aveva concesso una deroga al limite di 4 anni di permanenza sul territorio fissato per legge per coloro che chiedevano trasferimento a Roma. In una seconda fase, su pressione dei sindacati di polizia, questa deroga è stata estesa a tutte le domande di trasferimento, non soltanto verso la capitale quindi, ma per ogni altro luogo in Italia. Il risultato di quest’operazione potrebbe essere catastrofico per la Lombardia, e non coinvolgerà solo il personale straordinario stanziato a Milano per Expo, ma tutto l’organico lombardo, aprendo la strada a un vero e proprio esodo di poliziotti che lasceranno anzitempo il nostro territorio.”

“Il tutto avviene in barba alle richieste del Consiglio regionale che, con una mozione di cui sono stato primo firmatario, aveva domandato di trattenere nella nostra Regione, al termine dell’Esposizione universale, gli agenti giunti a maggio in Lombardia. Oltre al danno quindi, anche la beffa: estendendo a tutti la possibilità di trasferimento, non solo verso Roma ma verso ogni altro luogo del Paese, ci ritroveremo con molti meno agenti di quelli che erano presenti prima di Expo 2015, proprio ora che l’emergenza sicurezza ha raggiunto livelli mai visti prima. Come biasimare quindi quei cittadini che, esasperati, sono costretti a imbracciare pistole e fucili per difendere le proprie abitazioni, nel momento in cui il Governo, al posto di potenziare un organico già insufficiente, decide di dare il colpo di grazia alle Forze dell’ordine lombarde? Personalmente chiederò che la commissione antimafia del Consiglio regionale si riunisca e metta il più presto possibile all’ordine del giorno questo tema.”  

“In tutto ciò fa specie l’atteggiamento doppiogiochista del Pd che, in Lombardia ha votato a favore della nostra mozione per il trattenimento delle Forze dell’ordine sul territorio nel dopo Expo, mentre a Roma avalla un’operazione così scellerata. Questo purtroppo dimostra una volta di più quanto poco interessi a questa gente della sicurezza dei cittadini. In questo senso – chiosa Fabio Rolfi – il silenzio dei “democratici” lombardi è quantomeno imbarazzante”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea

    Nessun consiglio regionale ha avuto da ridire quando vi è stato un esodo di forze dell’ordine verso la Lombardia per proteggere Expo. Adesso tocca a Roma col Giubileo e la Lega dovrebbe comportarsi col medesimo senso di responsabilità. Invece asisstiamo al solito teatrino propagandistico di un partito senza scrupoli. Povera Lombardia!

  2. Scritto da pablo

    ma di che si parla? di poliziotti che erano a Milano per EXPO (mi pare sia finita da qualche giorno)? e che adesso andranno a svolgere la loro funzione a Roma? ma dov’è il danno? la beffa? cosa c’è di inaccettabile? e prima di expo dov’erano questi poliziotti? non mi pare che prima di expo qualcuno si sia lamentato dei poliziotti sottratti (non so dove) a favore di expo. la cosa triste è che con queste sparate, malgrado l’evidente assurdità, buona parte dell’elettorato si infervora…

    1. Scritto da + verande x tutti

      Dovresti leggere almeno l’articolo per evitare di scrivere, diciamo così, inesattezze: “evidente assurdità”, “sparate”, “poliziotti sottratti”, ecc. Tutto solo per sparlare dei leghisti. Non ti sembra di autolimitarti un pochino?

      1. Scritto da pablo

        immagino che tu consideri la tua difesa costante e continua della lega su questo giornale un grande esempio di intelligenza politica. mai un dubbio. al di là delle diatribe, e per stare nel merito dell’articolo che ho letto: arrivano poliziotti per EXPO, finisce EXPO ed i poliziotti se ne vanno. Maroni può legittimanente chiedere che restino (può chiedere anche la chiusura delle frontiere se crede), ma non è che se gli si risponde NO diventa una cosa inaccettabile.

  3. Scritto da tex

    bhe forse ci saranno meno aldrovandi uva, che ce ne frega dei delinquenti in divisa che torturano? sono stati condannati per le torture del G8 ( anche oggi sono stati confdannati a risarcire un giornalista torturato ) spiace che la giustizia sia lenta

  4. Scritto da + verande x tutti

    I poliziotti, assunti, dopo 4 anni possono chiedere il trasferimento, di solito vicino a casa. E molti chiedono il trasferimento a roma, viste le loro origini. Una volta trasferiti, sul nostro territorio resta scoperto il servizio. Non vedo dove siano le sparate, a parte i tuoi pregiudizi.

    1. Scritto da Peppino

      Giusto , lo puoi chiedere ed entri in una graduatoria, ottenerlo è tutto un altro paio di maniche. Se fosse come dici tu a nord sarebbero in 3 …… ragiùna .

      1. Scritto da + verande x tutti

        Non ti sorge il dubbio che tu ragioni meno di me? vediamo se è vero: I poliziotti hanno avuto il blocco dei trasferimenti dovuto a expo. Adesso che è finito, vista la carenza di servizio sul territorio, era stata chiesta, dalla lega, la continuazione del provvedimento. Con la scusa del giubileo hanno invece TRASFERITO a roma un sacco di poliziotti. E quindi restiamo ancora scoperti. Se fosse come dico io sarebbe esattamente così. Pota.

        1. Scritto da Peppino

          La normativa sui trasferimenti non è cambiata di una sola virgola , vanno a roma x il giubileo quelli che erano venuti x expo . Il resto è noia, cioè le solite pastaloge propagandistiche basate sul nulla assoluto .

  5. Scritto da Paolo maccari

    …. Ma il Vaticano paga il servizio d’ordine allo stato italiano???? Perché non usano la loro “guardie svizzere”…..

  6. Scritto da Leo

    C’è qualcosa che non va , stando all’articolo la mozione della lega richiede soltanto il mantenimento in lombardia delle forze di polizia aggiuntive arrivate per l’expo. Ed è una questione (legittimo chiedere e legittimo avere una risposta negativa se servono per il giubileo), il resto dell’articolo parla di tutt’altro . Dato che la lega ci ha abituati a sparate di ogni genere e tipo sarebbe bene che arrivasse un chiarimento.

    1. Scritto da Franco

      In effetti non è ben chiaro cosa chiedano, visto che i poliziotti extra erano arrivati per Expo (che è finito) mentre ora è naturale che le grandi masse saranno concentrate su Roma per il Giubileo e quindi è lì che servirà maggiore sicurezza e personale.

  7. Scritto da Alberto

    Alfano colpisce ancora…