BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arrestato dai carabinieri dopo inseguimento da film: era ricercato a Bergamo

Era ricercato per un reato commesso in provincia di Bergamo E.G., l'albanese di 29 anni che è stato arrestato dopo che ha speronato l'auto dei carabinieri che lo stavano inseguendo.

Era ricercato per un reato commesso in provincia di Bergamo E.G., l’albanese di 29 anni che è stato arrestato a Castiglione delle Stiviere dopo che ha speronato l’auto dei carabinieri che lo stavano inseguendo.

L’episodio risale a qualche giorno fa. Una pattuglia del nucleo Radiomobile stava percorrendo il centro abitato del paese mantovano. A un certo punto i due militari incrociano una Toyota Yaris, piuttosto malconcia, con a bordo due individui.

I carabinieri si insospettiscono e decidono di effettuare un controllo. La gazzella del 112 inverte il senso di marcia e si mette dietro la Toyota, per tentare di fermarla. I due uomini a bordo della utilitaria, però, non si fermano affatto.

Anzi, a quel punto il conducente preme sull’acceleratore. È il via a un inseguimento a folle velocità. La Toyota imbocca la strada per Peschiera, i carabinieri dietro, con i lampeggianti e le sirene spiegate.

I due malviventi, però, non vogliono farsi raggiungere: lungo la vecchia statale fanno un testacoda e vanno a speronare l’auto dei militari sulla fiancata. A quel punto, con la Toyota ancora in corsa, il passeggero si butta fuori e cerca di scappare.

Ma i carabinieri, anche se rimasti leggermente feriti nello speronamento, insieme ai colleghi della stazione, arrivati in aiuto, lo rincorrono per bloccarlo. E ci riescono poche decine di metri dopo.

Il fermato è un albanese di 29 anni, E.G., il quale stava cercando di darsi alla fuga per un motivo preciso: era ricercato. Su di lui pendeva un ordine di carcerazione per espiare una pena residua di otto mesi per un reato commesso in provincia di Bergamo nel 2009.

È stato ammanettato e portato in caserma (dopo una visita al pronto soccorso dell’ospedale, per alcune contusioni) dove gli è stato notificato l’arresto. Quindi è stato trasferito in carcere. Intanto sconterà la pena residua, poi dovrà rispondere al giudice anche di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

Reati di cui dovrà rispondere anche il complice, che era alla guida della vettura, identificato nel titolare di una nota scuola guida di Castiglione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.