BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via il Patto di Stabilità “Il Comune di Bergamo non svenderà i tesoretti”

L'assessore al Bilancio Sergio Gandi spiega gli effetti positivi che il taglio del Patto di Stabilità (non ancora effettivo ma ormai in programma) avrà su Bergamo: "Non saremo più costretti a svendere i patrimoni dell'amministraziore. E nel 2016 potremo investire in opere pubbliche".

Più informazioni su

Via il Patto di Stabilità. La notizia non è ancora certa ma con la nuova Legge di Stabilità il Governo Renzi sembra pronto al grande passo che tutti gli enti locali italiani attendevano da anni. Bergamo compresa, come spiega l’assessore al Bilancio Sergio Gandi: "Renzi, se il taglio diventerà effettivo nelle prossime settimane, avrà mantenuto la sua promessa – spiega Gandi -. Questo porterà degli enormi benefici anche alla nostra amministrazione, che potrà così evitare la svendita già programmata dei beni patrimoniali della città".

Il disegno di Legge di Stabilità in fase di approvazione, dunque, è pronto a cambiare le regole degli enti locali, con Bergamo che "vedrà le proprie alienazioni scendere da 15,6 a 5,6 milioni di euro – spiega ancora l’assessore Gandi -. Si tratta dei beni patrimoniali che, rispetto a 5,6 milioni previsti, saranno venduti fino a un massimo di 2,6 milioni di euro, e dei beni mobiliari che, da 10 milioni netti come da previsione, scenderanno a 3 milioni. Un grosso cambiamento che ci permetterà di tenere in cascina tutti quei tesoretti accumulati negli anni che, nel caso in cui i tempi duri dovessero malauguratamente tornare, potremo pensare di vendere più avanti".

Il pensiero va diretto alle azioni A2a: "Dei 34 milioni di euro di azioni in possesso del Comune – annuncia Gandi – solo una minima parte sarà venduta. E questa è una cosa che ci rende molto soddisfatti: preservare il pacchetto azionario di A2a è sempre stato uno dei nostri obiettivi".

Lo sblocco del Patto di Stabilità porterà, inevitabilmente, anche al lancio di nuove opere pubbliche: "Abbiamo tanta carne sul fuoco – spiega l’assessore al Bilancio – e oltre ai progetti già in essere per la fine del 2015, avremo modo di affrontare l’anno nuovo con la consapevolezza di poterci muovere con più serenità e libertà. Le opere pubbliche del Comune porteranno lavoro alle aziende e, di conseguenza, la speranza è che questo possa essere una grande occasione per tutta l’economia locale".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.