BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Mio figlio sotto choc a Parigi dopo gli attentati Gli ho detto di non mollare”

Marco Bresciani testimonia lo shock del figlio, studente alla Sorbona di Parigi: “Scrivo io perchè lui mi ha detto che non se la sente: ha vissuto anche l'attentato di Charlie Hebdo, gli ho detto di non mollare”.

Possiamo solo immaginare il terrore vissuto a Parigi negli attimi in cui tre differenti commandi armati entravano in azione per seminare morte in luoghi di divertimento come bar, ristoranti, il teatro e lo stadio. E possiamo altresì immaginare il panico di un genitore che, a 900 chilometri di distanza, sa che il proprio figlio si trova in quella stessa città.

Marco Bresciani ha inviato una lettera alla nostra redazione per raccontarci quei terribili attimi: scrive lui perchè il figlio, studente alla Sorbona, a distanza di giorni è ancora sotto shock per quanto accaduto in zone della città che è solito frequentare e che ha sfiorato anche nella serata di venerdì 13 novembre.

“Sono il padre di un ragazzo di 21 anni che studia alla Sorbona a Parigi.

Scrivo io perché lui mi ha detto che non se la sente, è ancora sconvolto. Venerdì sera ho raggiunto telefonicamente mio figlio subito dopo le prime terribili notizie, era in una zona non tanto lontana dal Bataclan, è tornato con un taxi a Les Halles, dove risiede, appena in tempo perché in zona c’erano già sparatorie e posti di blocco.

Era sotto choc, in particolare perché due sere prima si trovava a cena proprio nel ristorante cambogiano, famoso a Parigi, dove hanno sparato e ucciso.

Mi ha detto: ‘Potevo esserci io, questa è una guerra, sono morti decine di giovani che come me cercavano solo un po’ di svago, ma perché questo odio?’.

È demoralizzato, ha vissuto a Parigi anche l’attentato di Charlie Hebdo,  ma io gli ho detto di non mollare perché questi esseri vigliacchi non devono sopraffarci e condizionare la nostra vita. Bisogna assolutamente reagire”.

Marco Bresciani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.