BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cento salvadanai d’arte Raccolta fondi per le scuole dei bambini del Kenya

Cento salvadanai per 70 artisti: un connubio tra arte e solidarietà al fine di raccogliere fondi a sostegno della scolarizzazione dei bambini del Kenya, per salvarli dalla piaga dell’analfabetismo. Continuano le iniziative di My Name is Help onlus che legano arte e solidarietà. Venerdì 27 novembre 2015, dalle 18 alla residenza Bergamo+ in via G. Mazzini, 4 a Bergamo.

Cento salvadanai per 70 artisti: un connubio tra arte e solidarietà al fine di raccogliere fondi a sostegno della scolarizzazione dei bambini del Kenya, per salvarli dalla piaga dell’analfabetismo. Continuano le iniziative di My Name is Help onlus che legano arte e solidarietà. Il tema di quest’anno è il salvadanaio, utile a veicolare il messaggio dell’educazione al risparmio e della raccolta di monete a cui diamo spesso poco conto, ma che possono diventare fondamentali per garantire un anno di studi a un bambino meno fortunato e liberarlo dalla prigionia dell’analfabetismo. Gli artisti che collaborano generosamente con l’Associazione hanno a disposizione un classico salvadanaio in coccio, da reinterpretare esprimendo la propria creatività a favore dell’impegno in Africa di My Name Is Help. Le opere così realizzate saranno esposte, presentate e cedute a fronte di una donazione durante l’evento del 27 novembre.

“Abbiamo scelto il salvadanaio come simbolo di questo evento – spiega Fanny Coffetti, Presidente di My Name is Help onlus – perché esprime al meglio il concetto di “SALVARE” attraverso il risparmio di una piccola somma, che però può incidere profondamente sul futuro di un bambino in Kenya. Questi salvadanai porteranno la firma di artisti del calibro di Bernardo Peruta, maestro Franco Travi, Edy Gree , Giovanni Minelli e il gruppo “QUELLI DEL LICEO ARTISTICO DI BERGAMO ’68-’78 & FRIENDS” che coinvolge artisti dai curricula non solo nazionali , che naturalmente ringrazio con orgoglio per la generosa partecipazione. La collaborazione storica con Ottobarradieci spaziodesign ci ha inoltre consentito di scovare giovani artisti talentuosi e pertanto un ringraziamento doveroso va all’istrionica titolare Wilda Algani, la quale garantisce da sempre un sostegno prezioso ai bambini di Watamu”.

Nel frattempo, a partire dai primi giorni di Novembre, è già partita la raccolta fondi, grazie alla collaborazione di numerosi negozi del centro e della provincia di Bergamo, dove è possibile trovare esposto il salvadanaio con il logo dell’associazione per la raccolta di donazioni spontanee. Sono 30 i negozi che hanno aderito all’iniziativa. Un salvadanaio speciale Il salvadanaio con le firme autografe dei giocatori dell’Atalanta ci riporta al sostegno che il “Tanque” German Denis aveva dato all’associazione già nel precedente evento “Cena con bontà”. Durante la serata sarà aggiudicato al maggior offerente.

MY NAME IS HELP ONLUS

My Name Is Help – Onlus nasce dall’entusiasmo di un gruppo di Bergamo che animato dalla volontà di dar vita a una realtà fondata su principi di solidarietà, serietà e trasparenza, nel 2005 ha acquistato un terreno su cui far sorgere un asilo per accogliere, accudire e avviare all’istruzione i bambini del Kenya. L’idea successiva che ne è derivata e che oggi si concretizza con una App appositamente creata, è il Progetto “Dall’Asilo al College”.

L’obiettivo è offrire continuità negli studi a tutti i bambini provenienti da famiglie disagiate che, terminato l’asilo, possano continuare nel loro processo di istruzione. Tutta l’iniziativa continua a essere supportata da privati, Aziende e dagli Amici di My Name Is Help.

La Onlus è gestita esclusivamente da professionisti che prestano con entusiasmo il proprio volontariato, ragione per cui tutti i proventi delle donazioni vengono devoluti INTERAMENTE al progetto.

www.mynameishelp.org

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fabio

    Aiutiamoli a casa loro!!! :)