BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ambito di Dalmine, in piazza per dire “no a questa accoglienza”

La presa di posizione dei consiglieri e portavoce dei gruppi moderati e di centrodestra dell’area: "Non ha nessun valore, cittadini tenuti all’oscuro. Ok al metodo dell’accoglienza diffusa, ma l’ordine va invertito: prima il Governo cambi la sua politica, poi se ne può parlare"

Più informazioni su

"Il documento d’intenti relativo ai richiedenti e titolari di protezione internazionale approvato dall’Assemblea dei Sindaci dell’Ambito dei Servizi Sociali di Dalmine è una forzatura bella e buona, un mero assist politico orchestrato dal PD a proprio uso e consumo. L’Ambito non ha infatti alcuna competenza sulla questione: il documento non ha alcun valore se non quello di offrire una copertura ai Sindaci favorevoli e alle politiche del PD bergamasco". La dura presa di posizione porta la firma dei gruppi moderati e di centrodestra dei comuni che fanno parte dell’Ambito. Che rincarano la dose biasimando la mancanza di trasparenza: "I cittadini sono stati volutamente tenuti all’oscuro di tutto, i Sindaci non hanno coinvolto i Consigli Comunali per impedire il dibattito democratico sulla questione. È inaccettabile".

OK ACCOGLIENZA DIFFUSA, MA ALTRE CONDIZIONI – Una posizione che non deriva da un pregiudizio ideologico rispetto all’accoglienza dei profughi bensì dalla constatazione che la politica del Governo Renzi è fallimentare: "Crediamo – affermano – che la solidarietà nei confronti di chi fugge da persecuzioni e conflitti sia sacrosanta: derogarvi significherebbe annullare i valori stessi sui quali è costruita la civiltà occidentale. Condividiamo altresì il metodo proposto di un’accoglienza diffusa. Ma il Governo e l’UE stanno gestendo l’emergenza in maniera incompetente: solo una piccola parte di chi arriva ha titolo per ottenere lo status di rifugiato, mentre le tempistiche per il riconoscimento sono indecorose. A nulla valgono i paletti messi dai comuni firmatari del documento in quanto la tempistica dovrebbe essere capovolta: prima il Governo deve procedere con gli l’implementazione di atti che diano le garanzie richieste, e solo successivamente i comuni potranno dare la loro disponibilità ad ospitare i profughi".

SABATO GAZEBO A DALMINE – I gruppi della Media Pianura hanno deciso di organizzare un gazebo comune davanti al municipio di Dalmine sabato 14 novembre dalle ore 14,30 alle ore 18,30 per informare la cittadinanza in merito alle decisioni assunte dai comuni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.