BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Albanoarte Teatro festival Doppio appuntamento con un weekend di spettacoli

Sabato 14 e domenica 15 novembre arriva il primo doppio appuntamento di "Albanoarte teatro festival".

Arriva il primo doppio appuntamento di "Albanoarte teatro festival".

Sabato 14 novembre alle 21 al teatro "Don Bosco", in oratorio, ad Albano sant’Alessandro si tiene un nuovo appuntamento di "Albanoarte teatro festival". In programma un reading teatrale sulla Grande Guerra, nel centenario dell’entrata dell’Italia nella prima guerra mondiale dal titolo "Le belle idee per cui si muore". Sul palco Grazia Vecchi, Adriana Vismara, Gianluigi Corna ed Enzo Mologni; al pianoforte il maestro Giovanni Andreani e al violoncello Alice Andreani. La regia è di Enzo Mologni, le scene a cura di Isacco Milesi; testi scelti da don Mario Signorelli; tecnici luci/audio Matteo Bosatelli, Davide Ghisalberti e Carlo Gustinetti. Una produzione Albanoarte Teatro e Associazione Musicale Amadeus.

A cent’anni dall’entrata in guerra dell’Italia, testimonianze, letture, e poesie insieme a brani celebri e inediti eseguiti al pianoforte e al violoncello, riaccendono la memoria, dando voce e vita a persone che dall’oggi al domani si sono trovate a dover affrontare e conoscere gli orrori della guerra e della violenza, restando orfani di un destino che è stato strappato loro senza lasciare scampo. Il reading spazia dalla poetica dei futuristi che inneggiavano alla guerra ai documenti che attestano come anche i civili rimasti a casa, soprattutto le donne, abbiano subìto violenze. Brani tratti da testimonianze dei soldati s’alterneranno alle poesie di Giuseppe Ungaretti ed altri poeti. A unire le parole e i pensieri una colonna sonora scelta per far decantare le emozioni e una scenografia evocativa per perdersi con lo sguardo e immaginare un passato lontano: il paradiso dei salotti e l’inferno delle trincee. C’era chi la definiva guerra santa (appellativo contemporaneo) e chi con occhio lucido sosteneva: ogni nazione era convinta che la propria causa fosse giusta, si credeva minacciata da un perfido nemico bramoso di ucciderla, e pensava che soltanto la propria vittoria potesse salvare l’ordine morale nel mondo” (Herbert Fisher).

Il biglietto di ingresso è di 5 euro, gratuito per i ragazzi sino a 18 anni.

Il giorno seguente, domenica 15 novembre alle 21 è la volta dello spettacolo "Il nulla – The void", di Massimiliano Cividati con Camilla Pistorello, Umberto Terruso, Adalgisa Vavassori, Matteo Vitanza e Claudia Caldarano. La regia è di Massimiliano Cividati, la realizzazione tecnica di Massimo Todini e l’assistente alla regia Raffaella Bonivento. Una produzione Aia Taumastica con il sostegno di Fondazione Cariplo/Progetto Etrè e Regione Lombardia. L’esibizione racconta lo sforzo inumano che quotidianamente affrontiamo quando l’unica risposta di cui siamo capaci all’oggi è "non pensarci". Le relazioni, i cambiamenti del corpo, i telegiornali, la forza di gravità, le economie, il rifiuto del conflitto, la  menzogna, il silenzio che a sua volta è menzogna, la paura, il respiro corto, la moda, l’essere genitori, il mio vicino, ciò che mangio… una discesa grottesca feroce verso quello scenario che sarà la nostra casa se smettiamo …di vivere.

Il biglietto di ingresso è di 12 euro (intero), ridotto a 3 euro (fino a 18 anni).

Per avere ulteriori informazioni consultare il sito internet www.albanoarte.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.