BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Al mercato ottimi spinaci, alleati per la salute degli occhi e del cuore

Sono gli spinaci il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Disponibili in abbondanti quantità, per la spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia si possono trovare a un conveniente rapporto tra qualità e prezzo.

Sono gli spinaci il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Disponibili in abbondanti quantità, per la spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia si possono trovare a un conveniente rapporto tra qualità e prezzo.

Sono reperibili, con provenienza principalmente locale, in un’ampia varietà: ricci o lisci, piccolissimi e tenerissimi da mangiar crudi o più grossi da cuocere al vapore, confezionati nelle tipiche casse di plastica o di legno ancora da sciacquare o già puliti e asciugati in busta pronti all’uso.

Ricchi di proprietà benefiche per l’organismo, nell’immaginario collettivo, gli spinaci sono indissolubilmente legati alla figura di Braccio di ferro, che li divorava per diventare immediatamente più forte. Un’immagine che ha evidenziato l’importanza del contenuto di ferro, e non c’è dubbio che questo ortaggio sia dotato di una notevole quantità di questo minerale. Tuttavia, non è facilmente assimilabile dall’organismo: per facilitarne l’assorbimento, specialmente per chi soffre di anemia, è consigliato abbinarli ad alimenti con un alto potenziale di vitamina C, condendoli ad esempio con succo di limone. Altri minerali presenti negli spinaci sono rame, magnesio, potassio, zinco, manganese, selenio, sodio, calcio e fosforo, ma non mancano vitamine (A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J), sostanze antiossidanti e acido folico.

Alcune ricerche attestano che questa verdura apporta benefici alla vista, aiutando a prevenire patologie legate agli occhi, tra le quali  la degenerazione maculare legata all’età. Da evidenziare effetti positivi anche ai vasi sanguigni e al cuore, aiutando a prevenire problemi cardiocircolatori come arteriosclerosi e pressione alta. Viene sconsigliato, invece, un consumo eccessivo di spinaci a chi è interessato da patologie dei reni o è soggetto a calcoli renali, a causa del contenuto di acido ossalico e, per ridurne l’apporto, basta bollirli per un paio di minuti. In cucina, sono estremamente versatili: possono essere consumati in insalata, lessati o cotti a vapore; accompagnare risotti, minestrone, pastasciutta e ravioli, crepes, frittate, tortini e sformati. Inoltre si possono usare come contorno, ripassati in padella con formaggio a filare, oppure per preparare il ripieno della carne, come tasca di tacchino o involtini; abbinati a pesce o crostacei.

Un consiglio: quando si acquistano è bene verificarne la freschezza, prestando attenzione al colore, che deve essere di un bel verde uniforme, senza parti giallognole e con gambi duri e forti.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, nel reparto agrumi, anche per questa settimana, possiamo considerare referenze con origine spagnola e nazionale (Sicilia, Puglia e Calabria), con un buon rapporto qualità/prezzo delle clementine e soddisfacente richiesta di mercato. Migliora l’attenzione dei consumatori per le arance, forse anche grazie a un considerevole miglioramento qualitativo della merce offerta, mentre per i limoni rimane preponderante la presenza di prodotto spagnolo rispetto a quello italiano, con caratteristiche qualitative nella massa del primo superiori rispetto all’attuale raccolto italiano disponibile. Intanto, hanno fatto il loro debutto tra scaffali e cassette anche succosissimi pompelmi di origine nazionale. Per il kiwi l’offerta di prodotto neozelandese dovrebbe protrarsi sino a fine mese dopodiché si potrà contare esclusivamente sull’ottimo e abbondante raccolto italiano.

Intanto, si conferma molto conveniente il rapporto qualità/prezzo di cachi e castagne. Sono stabili i rapporti domanda/offerta delle differenti varietà di mele, con ottima qualità, mentre per le pere volge al termine l’offerta della varietà William, ma si può sempre contare su quelle ancora disponibili, come l’ottima Abate, decana e Kaiser, con origine nazionale. Infine, è in flessione l’offerta dell’uva da tavola.

Passando al reparto verdura, si denota un buon rapporto qualità/prezzo di cavolfiori e broccoletti; stabili condizioni di mercato di finocchio, patate e cipolle, mentre registra un’evidente e decisa contrazione la disponibilità di prodotto nazionale di fagiolini boby, per i peperoni, soprattutto quelli di origine spagnola e olandese, si rileva un brusco crollo delle quotazioni.

Per concludere, dopo settimane piuttosto turbolente con prezzi in lento e continuo rialzo per le zucchine, si assiste a una stabilizzazione delle quotazioni con una tendenza che a breve porterà a una diminuzione dei prezzi.

La ricetta della settimana a cura delle nostre Amichesciroppate

Sgombri e spinaci

Ingredienti per 4 persone

4 sgombri ridotti in filetti

400 g di spinaci

2 cucchiai di uvetta

2 cucchiai di pinoli tostati

2 cucchiai di pangrattato

2 filetti di acciuga sott’olio

2 cucchiai di prezzemolo tritato

1 cucchiaino di capperi

1 spicchio d’aglio

olio extravergine d’oliva q.b.

 sale q.b.

peperoncino q.b.  

Procedimento

Mettete a bagno l’uvetta per farla rinvenire.

In una casseruola scaldate un filo d’olio con aglio fate cuocere gli spianaci con una pizzico di sale e di peperoncino, in pochi minuti saranno cotti, fateli raffreddare e teneteli da parte.

Tostate il pan grattato in un padellino.

Ora mixer mon amour in azione: capperi, acciughe e  prezzemolo una frullatina e aggiungeteci il pan grattato tostato.

Tagliate grossolanamente gli spinaci e uniteci l’uvetta e i pinoli.

Ora prendere i filetti di sgombro, io me li sono fatta sfilettare dai gentilissimi ragazzi dell’Orobica Pesca, adagiateci al centro il composto di spinaci e arrotolate su se stesso il filetto, aiutatevi con dello spago da cucina.

Adagiate i rotolini in una piccola pirofila, precedentemente oliata, e spolverizzateli con la panatura.

Forno caldo a 200° per 10/15 minuti.

La ricetta oggi è tutta super: super light, super economica e super deliziosa!!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.