BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Programmi dei computer aziendali “piratati”: denunce a Bergamo

Operazione “UNDERLI©ENSING” è il nome in codice con cui i militari del Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale della Guardia di Finanza hanno denominato l’indagine recentemente conclusa che ha portato alla luce una preoccupante frequenza di comportamenti illegali nelle imprese operanti in Italia.

Operazione “UNDERLI©ENSING” è il nome in codice con cui i militari del Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale della Guardia di Finanza hanno denominato l’indagine recentemente conclusa che ha portato alla luce una preoccupante frequenza di comportamenti illegali nelle imprese operanti in Italia.

Sotto il coordinamento del Nucleo Speciale e con la collaborazione dei consulenti di BSA in materia di licensing, i finanzieri dei Comandi Provinciali di Torino, Milano, Bergamo, Bologna, Udine, Roma, Pesaro, Firenze e Bari, hanno condotto 22 ispezioni nelle sedi di altrettante società operanti nei settori del design, della moda, delle costruzioni civili ed industriali e dell’architettura.

Solo 9 aziende sono risultate perfettamente in regola con le licenze relative ai software installati sui propri computer. Le rimanenti 13 (in pratica, quasi il 60% dei soggetti controllati) utilizzavano, sui loro computer, programmi scaricati o duplicati in violazione alla vigente legge sul diritto d’autore. Tra i programmi maggiormente “piratati” sono risultati quelli prodotti dalle software house Adobe, Autodesk, Microsoft, Ashampo, Robert McNeel & Associates.

Dieci i responsabili aziendali – nelle cui sedi sono stati ritrovati complessivamente 144 prodotti software illecitamente utilizzati – che in aggiunta alla violazione penale dovranno pagare anche una contestazione di natura amministrativa pari al doppio del valore di mercato del software duplicato. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.