BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Marco, ucciso dalla croce Cinque persone indagate per omicidio colposo

Si sono chiuse le indagini per la morte di Marco Gusmini, il ventenne di Lovere ucciso schiacciato, il 24 aprile 2014, sotto l'enorme croce dedicata a Papa Paolo Giovanni II che si era spezzata a Cevo, in Val Camonica, dove si trovava insieme ai compagni dell'oratorio per una gita

Cinque persone indagate per omicidio colposo. Si sono chiuse le indagini per la morte di Marco Gusmini, il ventenne di Lovere ucciso schiacciato, il 24 aprile 2014, sotto l’enorme croce dedicata a Papa Paolo Giovanni II che si era spezzata a Cevo, in Val Camonica, dove si trovava insieme ai compagni dell’oratorio per una gita.

Gli indagati sono Mauro Bazzana, sindaco di Cevo dal giugno del 1999 al 2009, Silvio Marcello Citroni, attuale sindaco di Cevo, Marco Maffessoli, ex vicepresidente e ora presidente dell’associazione "Croce del Papa" che ha portato l’opera a Cevo, il tecnico comunale Ivan Scolari e Renato Zanoni, progettista incaricato di fare i lavori per collocare la Croce del Papa sul Dosso dell’Androla di Cevo.

Il pubblico ministero Caty Bressanelli, titolare del fascicolo, dopo approfonditi accertamenti aveva concentrato l’indagine sui membri dell’associazione «Croce del Papa», fondata da parrocchia e Comune per promuovere e gestire il trasferimento dell’opera creata dall’architetto Enrico Job per la visita di papa Wojtyla a Brescia nel 1998, dal seminario al Dosso dell’Androla.

La croce era crollata all’improvviso, senza lasciare scampo a Marco Gusmini, afflitto da una lieve disabilità alle gambe e sbalzato dall’urto contro una staccionata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.