BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi, utile a 162 milioni: 1.103 soci recedono dopo la trasformazione in Spa

Il Consiglio di Gestione di Ubi Banca ha approvato i risultati consolidati dei primi nove mesi del 2015 e ha incassato il recesso di 1.103 soci dopo la trasformazione in Spa deliberata nell'assemblea del 10 ottobre.

Il Consiglio di Gestione di Unione di Banche Italiane Spa (UBI Banca) ha approvato i risultati consolidati dei primi nove mesi del 2015, che si è chiuso con un utile netto di 162 milioni, in crescita dell’8,1% rispetto ai 149,8 milioni dei primi 9 mesi del 2014 nonostante l’inclusione a partire dal 2015 dei nuovi contributi obbligatori al Single Resolution Fund e al Deposit Guarantee Scheme (che hanno pesato per complessivi 20,9 milioni netti sull’utile del periodo).

I risultati dei primi nove mesi dell’esercizio confermano le tendenze man mano delineatesi in corso d’anno. Prosegue il buon andamento delle commissioni nette (+6,8% sul 2014) trainate dai prodotti d’investimento, e si consolida il miglioramento della qualità del credito, con minori esigenze di rettifica (-10,9%); tali andamenti hanno consentito di compensare pienamente l’andamento del margine d’interesse (-9,5%), influenzato dal minor apporto del portafoglio titoli – in progressiva riduzione e ricomposizione – e da condizioni particolarmente competitive sui mercati del nuovo credito. Grazie alla conferma del perdurante controllo dei costi (-1,3% anno su anno), punto di eccellenza, assieme alla qualità del credito, per il Gruppo, la redditività “core” (margine d’interesse – rettifiche su crediti + commissioni nette – oneri operativi) è risultata in crescita del 20,8% rispetto ai primi 9 mesi del 2014.

Proventi operativi a 2.467,1 milioni di euro, in calo del 3,5%, mentre il margine di interesse si attesta a 1.245,8 milioni (in calo del 9,5%) principalmente per il minor contributo del portafoglio titoli, progressivamente in ridimensionamento e ricomposizione, ma anche a seguito della pressione competitiva nell’attività creditizia. Risultato della finanza a 138,9 milioni rispetto ai 150,5 milioni dei primi nove mesi del 2014: oneri operativi in ulteriore diminuzione dell’1,3% (-20,6 milioni) a 1.542,1 milioni di euro, nonostante l’inclusione nel 2015 di 7,7 milioni di oneri di integrazione in relazione alla fusione tra IW Bank e UBI Private Investment. Al netto di tale voce gli oneri operativi registrano un calo dell’1,8% anno su anno. Costo del credito a 557,6 milioni rispetto ai 626,2 dei primi 9 mesi del 2014 (-10,9% anno su anno a 89 punti base annualizzati rispetto ai 98 dei primi 9 mesi del 2014).

Ubi Banca ha reso noto che il diritto di recesso conseguente alla trasformazione in società per azioni deliberata nell’assemblea straordinaria dei soci in data 10 ottobre 2015 è stato esercitato entro il termine finale del 27 ottobre da 1.103 soci per 35.409.477 azioni Ubi Banca per un controvalore complessivo pari a 258.064.268,38, al valore di liquidazione di 7,2880 euro per azione: le azioni oggetto di recesso rappresentano il 3,927% circa dell’attuale capitale sociale sottoscritto e versato di Ubi Banca.
Il consigliere delegato di Ubi Banca Victor Massiah commenta i risultati dei primi nove mesi dell’anno:

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cisco

    che dati tristi… no comment…

  2. Scritto da Stranezze

    Se va tutto così bene qualcuno per favore mi spiegherebbe come mai a seguito della pubblicazione dei conti Banco popolare e Banca popolare di Milano oggi hanno festeggiato in borsa con rialzi significativi mentre Ubi Banca ha perso circa il 2,5 per cento?