BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quarta rapina in farmacia Pd: “A Seriate sicurezza sbandierata ma non attuata” fotogallery

Il Partito Democratico di Seriate nel pomeriggio di lunedì 9 novembre ha organizzato un presidio di solidarietà per le dipendenti della farmacia di via Paderno, vittima per la quarta volta quest'anno di un furto: “La sicurezza non si garantisce con parole e proclami”.

Più informazioni su

Per la quarta volta in undici mesi la farmacia di via Paderno a Seriate è stata vittima di una rapina. Durante l’ultima – nella serata di venerdì 6 novembre – il rapinatore ha atteso che dalla farmacia uscissero gli ultimi i clienti, per poi entrare in azione minacciando le due farmaciste, azionando un estintore che aveva portato con sé all’interno dell’esercizio commerciale. In pochi attimi l’ambiente si è riempito di una fitta nebbia che ha consentito al malvivente di impossessarsi dei soldi presenti in cassa e di fuggire assolutamente indisturbato.

Per protestare contro le ripetute rapina, il Partito Democratico ha organizzato – nel tardo pomeriggio di lunedì 9 novembre, presso la farmacia di via Paderno, a Seriate – un presidio che , con la partecipazione di altre organizzazioni, associazioni e cittadini, ha voluto “manifestare solidarietà alle farmaciste, chiedendo all’amministrazione di porre al centro la sicurezza, che non è evidentemente garantita da parole e proclami e neppure da sceriffi in pensione”.


 

“Siamo qui per manifestare il nostro sostegno alle dipendenti della farmacia – ha spiegato Stefania Pellicano, Capogruppo del PD di Seriate – L’amministrazione comunale, che della sicurezza fa una bandiera, non riesce però a attuare una politica che produca risultati concreti. E i dipendenti della farmacia sono in attesa di interventi efficaci. Basterebbe una migliore illuminazione del piazzale antistante la farmacia per aumentare la percezione di sicurezza. Una Seriate più illuminata e più viva, è una Seriate più sicura”.

“Non mi piace che le grida in materia di sicurezza che la Lega sbraita in Consiglio Comunale a Bergamo, dove sono partito di minoranza, si trasformino in silenzio a Seriate, dove la Lega rappresenta l’amministrazione comunale – ha proseguito Federico Pedersoli, segretario PD per la città di Bergamo – La sicurezza è un tema che riguarda tutti i cittadini, ma la nostra risposta sulla questione è molto diversa da quella della Lega e si basa su quattro cardini fondamentali: legalità, accoglienza, cultura dell’integrazione e lotta ai disagi mediante politiche inclusive”.

Dal canto suo il sindaco di Seriate, Cristian Vezzoli, ha voluto precisare: “Il problema della sicurezza non si risolve sicuramente con un presidio del PD. La farmacia di via Paderno, come tutti gli altri luoghi sensibili di Seriate, sono sotto la costante sorveglianza di Carabinieri e Polizia. Gli episodi delle rapine sono da identificarsi come azioni isolate compiute da balordi, piuttosto che un problema generalizzato di sicurezza della città. L’amministrazione comunale – ha aggiunto – è sempre stata vicina alla farmacia. Anche quando si discuteva di alienazione del servizio, abbiamo voluto garantire il posto di lavoro alle dipendenti”.

Arnaldo Cobelli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da incompreso

    A Bergamo la destra imputa alla sinistra il “problema della sicurezza”. A Seriate le posizioni si ribaltano. Ammesso e non concesso che la “sicurezza” sia un’emergenza (“sarebbe bello bruciassero meno fabbriche e crollassero meno scuole e scippassero più vecchiette” – cit.) trovo a dir poco grottesco questo scambio di ruoli e di accuse. Deo gratias, la “sicurezza” non è l’emergenza che ciascuno cavalca per sua convenienza: così non fosse, con questa qualità di amministratori, darebbe dura.

  2. Scritto da gigi

    il Sindaco di Seriate: “Gli episodi delle rapine sono da identificarsi come azioni isolate compiute da balordi, piuttosto che un problema generalizzato di sicurezza della città.” E allora perchè questo ragionamento secondo voi “verdi” non vale per le amministrazioni di centrosinistra?

  3. Scritto da mario59

    Quando la politica sostiene di essere solidale con i cittadini che hanno subito furti, soprusi e atti violenti, bisogna mettersi in testa che stiamo per essere fregati una seconda volta.
    Pur di racimolare qualche voto, sono disposti a sostenere tutto e il contrario di tutto…tutti uguali…RUMENTA!

  4. Scritto da alessandro

    Più che partecipare ad un presidio, visto che la farmacia è Comunale, sarebbe utile che i consiglieri comunali deliberassero di porre la stessa in sicurezza mediante l’installazione di telecamere.
    Certo questo non andrebbe sui giornali e non porterebbe voti.

    1. Scritto da AngiolinoPedrini

      Forse bisogna anche aggiornarsi un pochino! Il PD in comunale e’ in minoranza e non può far nulla se non sensibilizzare la maggioranza Lega e Pdl per risolvere determinati problemi. Le cose che proponi sono da tempo state richieste…una telecamera in piu’ che inquadri il parcheggio e piu’ luminosità . 4 rapine senza aver dato risposte…cosa indicano? Aspettiamo il peggio? Almeno la solidarietà ai dipendenti il PD l’ ha data e ha fatto proposte , anche su altri temi, mai ascoltate. Vedi tu!