BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il cda di Uniacque ha deciso: nessun aumento della tariffa almeno fino al 2017

Nessun aumento della tariffa. Il consiglio di amministrazione di Uniacque ha deliberato di non ritoccare all'insù il costo dell'acqua come chiesto dall'amministratore delegato della società Mario Tomasoni. E' stato così accolto l'appello contenuto nella lettera scritta dal comitato “Acqua bene comune” che ha scongiurato l'aumento.

Più informazioni su

Nessun aumento della tariffa. Il consiglio di amministrazione di Uniacque ha deliberato di non ritoccare all’insù il costo dell’acqua come chiesto dall’amministratore delegato della società Mario Tomasoni. E’ stato così accolto l’appello contenuto nella lettera scritta dal comitato “Acqua bene comune” che ha scongiurato l’aumento. Il Consiglio, nella riunione di martedì 10 novembre, era chiamato a decidere un ritocco fino al 3% della tariffa attuale fissata a 1,077 euro al metro cubo. Non se ne parlerà almeno fino al 2017, nonostante il parere favorevole del comitato di indirizzo strategico e di controllo espresso qualche giorno fa.

La bocciatura della richiesta dell’ad Tomasoni, tecnico voluto dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori e dal segretario del pd Gabriele Riva, potrebbe avere conseguenze politiche. Nel frattempo Pierangelo Bertocchi, presidente dell’Ato, nega qualsiasi coinvolgimento nella vicenda. “Io non sono presente nel consiglio di amministrazione e sono completamente estraneo a qualsiasi decisione. Non c’è nessun rapporto strano tra me e Tomasoni, stiamo lavorando benissimo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BeRGHEM

    E’ ora che i cittadini prendono in mano e leggano i vari bilanci di previsione, bilanci passati, spese correnti e stipendi di chi amministra uno dei piu’ importanti beni comuni, l’ acqua appunto.
    Ogni spesa o aumento deve avere riscontri e deve essere giustificato, documentato, e reso pubblico.
    E’ ora di incominciare.

    1. Scritto da Gianni

      Via subito i politici dai beni pubblici! Sono costosi e improduttivi, rappresentano spese assolutamente ingiustificate, visto l’andazzo della spesa pubblica. Pensano soltanto alle loro tasche, non abbiamo bisogno di certi personaggi.

      1. Scritto da Lella

        basta spremerci siamo stanchi di mantenere gente