BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gori: “Cittadinanza a Mussolini Voterò contro la cancellazione La storia lo ha già giudicato”

Il sindaco Giorgio Gori ha annunciato che voterà contro la richiesta di cancellazione della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini presentata dall'Isrec.

Più informazioni su

Il sindaco Giorgio Gori ha annunciato che voterà contro la richiesta di cancellazione della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini presentata dall’Isrec. Il sindaco, in una lunga lettera a L’Eco di Bergamo, spiega le motivazioni che lo hanno portato a questa scelta.

Vi proponiamo alcuni passaggi significativi della lettera.

“…su questi temi le sensibilità continuano infatti ad essere diverse, e non solo lungo la classica distinzione tra sinistra e destra. Anche a sinistra, in campo democratico, le opinioni divergono. Poiché ho cercato di prendere sul serio l’istanza che mi veniva rivolta, ci ho ragionato e ho consultato diverse persone, tutte di indubitabile cultura antifascista. Ho maturato un giudizio, che qui desidero rendere pubblico.

Ci viene chiesto di cancellare un fatto politico ormai consolidato e storicizzato, come molti altri, nella storia della città. Capisco molto bene il senso della richiesta ma non mi sento di condividerlo; di più, lo sento politicamente molto datato. Quel fatto, come ogni altro avvenimento storico, enorme o minuto che sia, è il prodotto di una situazione storica determinata, all’interno della quale esso trova la propria collocazione, la propria ragione d’essere e non deve pertanto essere giudicato con criteri posteriori perché, diversamente, si corre il rischio di non comprenderlo nel suo effettivo valore e di forzare la storia dell’attualità.

Se la storia è memoria, quegli avvenimenti – ancorché criticabili in base alla nostra sensibilità di oggi – meritano d’essere preservati. Perché si sappia com’era Bergamo nel 1924. Proporre invece la cancellazione è dunque a mio giudizio un errore, che nonostante le comprensibili motivazioni denuncia in fondo una mancanza della necessaria distanza dai fatti della storia, quasi una sorta di rivincita a posteriori che però non cambierebbe nulla.

Ecco perché, pur rimandando alla Giunta la decisione effettiva, anticipo che esprimerò un parere contrario alla richiesta di revoca della cittadinanza onoraria attribuita a Benito Mussolini. La storia ha già ampiamente giudicato sia lui che il fascismo. E sarebbe bene che il passato, per una volta, riuscisse a passare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lina

    meglio un giorno da leone che 100 da pecora ?

    1. Scritto da ivan

      SAREBBE MEGLIO LEGGERSI L’OPERA MAGNA DI RENZO DE FELICE UNO ISCRITTO AL PC, CHE HA INQUADRATO IL FASCISMO COL MOTTO “COMPRENDERE, CAPIRE, NON ADERIRE” . IN OGNI CASO MEGLIO IL DUCE CHE IL DUCETTO RENZI.

  2. Scritto da SERIO

    Meglio che a togliere dal registro delle onoreficenze della cittadinanza di Bergamo Mussolini fossere stati altri sindaci. In un percorso simile a quello di Gianfranco Fini. Tuttavia anche Gori puo’ farlo. Il problema è che anche decidere di lasciare la cittadinanza onoraria è una scelta politica che fa a pugni col passato che Gori definisce: “già giudicato”. Ebbene non pare che “il giudizio” sia stato a favore della conferma alla cittadinanza onoraria (sigh!) di Mussolini.

  3. Scritto da NON COL VENTO

    Una scelta ragionevole che toglie argomenti polemici al revanscismo della destra e stoppa una sinistra nostalgica e perdente. La città si ritrova in questa posizione, più o meno bene argomentata

  4. Scritto da andrea

    Fermo restando la condanna del fascismo, la cittadinanza andava cancellata subito dopo la guerra, adesso non ha più senso, o ha un senso molto minore e relativo. Tra l’altro Mussolini è sepolto, come il gen. Franco, in una tomba-mausoleo, ma nessuno ha mai pensato di demolirle: adesso sarebbe fuori tempo massimo.

  5. Scritto da povero PD

    Il passato passa se rimedia agli errori, anche se “storicizzati”. Se Gori avesse ragione non avremmo dovuto avere i processi di Norimberga…Cittadino “onorario” vuol dire uno che pur non essendo di Bergamo ha fatto qualcosa per la nostra città: la guerra con Hitler, le leggi razziali, la dittatura etc. devono certo essere qualcosa di encomiabile per mantenergli la cittadinanza onoraria. Credo che gli altri “cittadini onorari” (con merito) si stiano rivoltando nella tomba

  6. Scritto da Kalinka

    Quante storie. A Chicago c’è ancor oggi, un monumento e una strada dedicati a Italo Balbo, fascista della prima ora, manganellatore ed organizzatore delle camicie nere ferraresi, quadrumviro della Marcia su Roma, ministro del governo fascista, trasvolatore oceanico in squadra, governatore della Libia e comandante delle truppe coloniali allo scoppio della guerra. Una democrazia forte non ha bisogno di lifting, sa le sue cicatrici della sua Storia.

    1. Scritto da Kali

      Amico di Inglesi Americani ed Ebrei,contrario alla guerra ed alle leggi raziali. Ed abbattuto dalla nostra contraerea…

      1. Scritto da Kalinka

        Stai forse proponendo di dare la cittadinanza onoraria di Bergamo anche a Italo Balbo? E perché no a tutti i duoscarpisti? ps. Ma allora Balbo fu abbattuto da contraerea amica, da contraerea nemica o da contraerea amico-nemica?

        1. Scritto da Kali Kali Kali

          Italo era l’unico che diceva ciò che pensava in faccia a Benitazzo,per questo fece la fine che fece esiliato prima,ed abbattuto dopo da contraerea italica”alle prime armi…”sta di fatto che ci lascio le penne,e qualcuno tirò un grosso sospiro di solievo.

          1. Scritto da Klk

            Già, l’Italo Maresciallo dell’Aria esiliato, poverino, a fare il Governatore della Libia! Che fece Balbo quando il Duce suo Capo, entrò nella guerra civile spagnola, occupò l’Etiopia con una guerra criminale, emanò le leggi razziali, consentì all’annessione nazista della Cecoslovacchia e dell’Austria, invase l’Albania, attaccò alle spalle la Francia? Nulla! In politica le parole sono aria fritta, sono i fatti che contano. Gori fa.

          2. Scritto da pd=dc!

            Hai forse letto da qualche parte Balbo=brao scèt,io ti ho scritto la fine che fu fatta fare a Italo. Spiega tu a me allora cosa ci faceva GG,difronte alla prefettura PRIMA di venire eletto,con sel e compagni vari in manifestazione di protesta per i fatti(nazifasci in raduno la…)di Rovetta. Prima si vero,poi però si diventa duoscarpisti…?!

          3. Scritto da Kalinka

            Non so chi fosse il tale GG davanti a certa Prefettura, non mi interesso di Sel & C. So però che un cittadino, da privato, rappresenta se stesso mentre un cittadino pubblico qual è il sindaco Gori, rappresenta l’intera cittadinanza e perciò deve essere guida di saggezza, parlare nell’interesse comune, con prudenza e ragionevolezza, attendere all’unione, all’armonia sociale, alla convivenza e valutare ricadute e strumentalizzazioni delle sue parole su città e Nazione.

          4. Scritto da kali kali kalu

            Non sai chi é ma continui a nominarlo,hai hai hai hai… Comunque si”é come scrivi tu”un buon sindaco deve essere Democraticocristiano,e tenere i piedi in più scarpe,cioé non duoscarpista,ma poliscarpista! Cosi nessun si altera…

  7. Scritto da Cristian

    Con tutti i problemi vivi di oggi perdiamo tempo con i problemi morti di ieri.. 70 anni..
    Allora dovremmo cancellare una citta intera (latina) … pensiami al futuro che non abbiamo!

  8. Scritto da Bravo Gori

    Ma che palle! Se si pensa che a Bologna ci sono ancora vie inneggianti a Stalin, e Stalin ne ha combinate peggio che Mussolini, questi antifascisti bavosi dell’ultima ora continuano a rompere le palle.
    Bravo Gori

  9. Scritto da Grazia

    Ha ragione Gori. La storia è storia, non possiamo essere arenati al passato o non sarà mia finita. Pensiamo all’oggi. Come tutti il Duce ha fatto cose più e meno buone. Oggi la corruzione dilagante è pure peggio…combattiamo quella!!

  10. Scritto da Flaminio

    Concordo con Gori: non si può cancellare la storia.

    1. Scritto da Diego

      Pienamente d’accordo

    2. Scritto da coniatore

      Non si cancella ma si legge nel giusto modo anche con gli atti. “Chi non sa darsi ragione di mille anni della propria storia cammina al buio e vive alla giornata”(Goethe) figurarsi che futuro possono costruire.

  11. Scritto da corrado

    Della Storia non bisogna avere paura, anzi, dalla Storia si deve imparare.
    Se però vogliamo seguire il percorso di alcuni che ritengono più corretto “cancellare” questa infamia, allora dovremmo anche provvedere a demolire alcuni palazzi realizzati in Città in quel periodo.
    Quali?
    il palazzo delle Poste, il Palazzo di Piazza della Libertà, il Liceo Lussana, la torre presso l’Autostrada e chissà quanti altri
    mah…..

    1. Scritto da XXX

      Attendesi contromossa ISREC,ora cosa farete rifiuterete tutte le sovvenzioni comunali etc,o,farete finta di nulla,lasciando che la vostra”provocazione”passi nel dimenticatoio…?

  12. Scritto da Miles Teg

    Sindaco sempre più democristiano…

  13. Scritto da Paolo maccari

    …. Siamo proprio in Italia…. Si va a tirare fuori storie di 80 e passa anni fa….. Con tutti i problemi che ci sono ai nostri giorni. ( vedi una Bergamo diventata un far west ) però per i ben pensanti quello va bene, l’importante è togliere la cittadinanza ad una persona morta 70 anni fa’….. Boh….non ho parole….

    1. Scritto da Mimma pepe

      Ha ragione Paolo maccari si sta sempre a giudicare cose nn riuscite intanto i nostri nonni nn si lamentavano parlate ora con più di 1.600 politici ma nessuno fa’ !!!!vergogna e accanitevi sulle pagliacciate d oggi.

      1. Scritto da somari

        l’Italia era tutta fascista. Perché continuate a rompere? I vostri nonni erano fascisti perché il fascismo era gran cosa. Studiate, somari.
        Io non son fascista perché son nato dopo il fascismo. E la storia non la leggo con il paraocchi, ma mediando i pro ed i contro per un giudizio finale. Nel mezzo sta la ragione, cavrones.

        1. Scritto da Doctor

          Infatti la guerra mondiale, il colonialismo, le leggi razziali, i media addomesticati, l’olio di ricino, la mancanza di libertà . Tu media , o grande , grandissimo …. storico. Già il tono del tuo commento è lo specchio del tuo livello intellettuale, fatti aiutare da qualcuno che ti è vicino !

  14. Scritto da Antonino B.

    Sono d’accordo in parte: d’accordo con l’analisi, contrario alla conclusione. La storia non sarebbe cancellata ma se ne scriverebbe un’altra pagina, quella in cui il Sindaco Gori sottoscrive la cancellazione della cittadinanza onoraria a Mussolini, proprio per l’evidenza dei fatti storici successivi a quell’evento.

    1. Scritto da Evidenza

      Ma di quale evidenza parli? Della tua evidenza?
      Lascia passare qualche anno ancora, quando l’ultimo antifascista dell’ultima ora sarà passato a miglior vita, e allora vedremo se da un’analisi obbiettiva emergerà ancora la tua evidenza.

      1. Scritto da Eeehh ?

        Forse non ti sei accorto che vivi da 70 anni in democrazia, parte di un mondo occidentale che vive in democrazia. Mondo che ha cancellato i dittatori criminali e farabutti che hanno portato spaventose sofferenze , discriminazioni , ingiustizie. Vai a scopare il mare che è meglio , vai !

  15. Scritto da SERIO

    Il problema è che anche decidere di lasciare la cittadinanza onoraria è una scelta politica che fa a pugni col passato che Gori definisce: “già giudicato”. Ebbene non pare che “il giudizio” sia stato a favore della conferma alla cittadinanza onoraria (sigh!) di Mussolini.

    1. Scritto da Dino

      Mussolini non ha più la cittadinanza onoraria da 70 anni per il semplice fatto che è morto. La cittadinanza non sopravvive al cittadino , fino a prova contraria , così come nessuna cancellazione può annullare il fatto che Bergamo l’abbia data al dittatore dal ’24 alla morte. Sono antifascista ma francamente non capisco l’iniziativa, non aggiunge ne toglie nulla

      1. Scritto da SERIO

        Anche Bergamo del 1924 non è la stessa di oggi. Oggi è più consapevole e conscia degli errori anche del 1924. La cancellazione rappresenta un atto dovuto la cui omissione, questa sì, non sarebbe coerente col giudizio che anche Gori afferma avere dato la storia. Certo sarebbe stato meglio se a farlo fossero stati i sindaci precendenti. Ma non è mai troppo tardi.

        1. Scritto da Dino

          Intendo dire che bergamo ha dato la cittadinanza onoraria a mussolini che l’ha avuta fino alla morte . Mussolini “era” cittadino onorario (ed è storia) e non lo “è” più perchè è morto e da quando è morto. L’antifascismo deve essere tenuto vivo , modi e motivazioni per parlarne ce ne sono costantemente. Questa rivisitazione di quanto è accaduto e che non può essere cambiato mi lascia molto perplesso.

  16. Scritto da Magister

    Furbo Gori con questa uscita mette in difficoltà la giunta e strizza l’occhio al centrodestra, corretto sarebbe stato prima andare in giunta e dopo dichiarare la propria posizione, ma ormai cosa aspettarci da questo PD a guida Renzi, vedremo se i PD della giunta avranno coraggio e un sussulto o come pare invece spendano più tempo a smarcarsi dal passato (vice-Sindaco) per ancorarsi alle poltrone odierne. Come se a Berlino fosse cittadino onorario Hitler perché storicizzato!!

    1. Scritto da alessandro

      a berlino no ma a Bassum, Helsa, Nittendorf-Etterzhausen e Nortorf si.
      in queste città tedesche il furer è ancora cittadino onorario (storicizzato).
      Non è questione di furbizia, sono solo modi diversi di quardare lo stesso argomento, c’è chi vuole correggere il passato e chi guarda al futuro.

      1. Scritto da coniatore

        Se ci sono in queste località tedesche onorificenze ad Hitler a me preoccupa anzichè tranquillizzare, comunque non è necessario copiare gli idioti ne usarli a giustificazione di atteggiamenti pilateschi e non chiari, c’è chi corregge il passato per guardare in modo chiaro e senza ombre al futuro.

        1. Scritto da GIACOMO

          Molto bene…..vorrei capire una volta tolta la cittadinanza onoraria cambiamo la storia? Non credo! Bella o brutta che sia stata è la nostra storia! Se a te non va cambia tu la tua residenza come sopra detto possiamo modificare il futuro non il passato! Guardiamo al futuro!!!!!!

          1. Scritto da coniatore

            Non credo che la storia sia dare riconoscenze a chi ha portato al disastro il paese e ha sulla coscenza milioni di morti, vedo che nelle vostre opinioni il passato e il futuro non riuscite ad affrontarli contemporaneamente, non arrabbiatevi qualcuno non ha i vostri limiti e ce la fa, per la residenza visto che non ho morti sulla coscenza ne leggi infami da farmi perdonare la tengo qui, proprio per non lasciare campo libero a quelli come voi.

    2. Scritto da TT

      Si adesso attendiamo fremendo che il vice sindaco Gandi dica la sua!

  17. Scritto da Petrov

    Finalmente il Gori ha confessato: questa è la vera identità di bergamo, falsa democratica, come i farisei e giudei…….

  18. Scritto da Marco

    Una scelta, quella del Sindaco Gori, rispettosa della Storia. Occorrerebbe far intendere le motivazioni anche alla Presidente della Camera Boldrini che pochi mesi fa ventilò l’opportunità di “scalpellare” il marmo dell’EUR…

  19. Scritto da XXX

    Bon dai un colpo al cerchio ed uno alla botte…

  20. Scritto da paolov

    Lui, è già nella storia, quella con la maiuscola, che piaccia o no. Tutto il resto sono baggianate da Bar dello sport di memoria banfiana (l’attore Banfi nella parodia dell’italiano medio, ma non troppo pensando alle anime belle di questa città, dell’allenatore di calcio). In tempi non sospetti, P.P.P. senza dubbi si espresse sull’antifascismo contemporaneo e moderno. Per chi non sa si informi…

    1. Scritto da Boh !?

      Anche hitler e barbablù sono nella storia , che vuol dire ?