BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cda teso in Uniacque: battaglia contro un possibile aumento delle tariffe

E' in atto uno scontro tra due visioni e opzioni opposte: da una parte quella rappresentata dall'amministratore delegato Tomasoni che vorrebbe aumentare le tariffe dell'acqua, dall'altra il presidente dell'Ato Bertocchi che invece non intende sentire ragione.

E’ un Consiglio di amministrazione decisamente teso quello in corso martedì 10 novembre in Uniacque.

E’ infatti in atto uno scontro tra due visioni e opzioni opposte: da una parte quella rappresentata dall’amministratore delegato Mario Tomasoni che vorrebbe aumentare le tariffe dell’acqua, dall’altra il presidente dell’Ato Pierangelo Bertocchi che invece non intende sentire ragione, soprattutto per due motivi, il fatto che Uniacque chiude il bilancio in attivo e l’anno prossimo prevede oltre 10 milioni di utili e il fatto che fra qualche mese l’Authority determinerà un nuovo metodo tariffario.

Ora si vedrà quale delle due fazioni avrà i numeri per spuntarla: in un caso o nell’altro la decisione non sarà indolore all’interno della governance della società.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da coniatore

    Ci rendiamo conto che decidono in base a leggi costruite ad hoc su un diritto come l’acqua per la quale paghiamo già le tasse, se pagare le tasse non significa avere in cambio i diritti essenziali per la vita per cosa dovremmo pagarle? Per un diritto poi che non appartiene a nessuno o meglio è di tutti e che la natura o Dio ce lo da gratuitamente, manca di pagare per l’aria, dovremmo essere intransigenti su alcuni inderogabili diritti, qualcuno ci vuol mangiar sopra sveglia

  2. Scritto da Gianni

    Via tutti i politici dai sevizi essenziali per i cittadini. Creano solo disordini…. Sono costi assurdi che non sono mai serviti (se non a sé stessi per le loro tasche) e che non possiamo più permetterci

    1. Scritto da roberta

      Giusto! Via tutti i politici!!
      Mettiamo l’utente “Gianni” a prendere le decisioni.
      … come dite? L’utente “Gianni” non ha competenza in merito e nel corso della sua intera vita non si è mai degnato di impegnarsi per la cosa pubblica?
      Ma sono dettagli insignificanti!!

      1. Scritto da Patrizio

        Credo che Lei non si sia resa conto che oltre ai parlamentari incapaci abbiamo tantissimi dirigenti in posti pubblici messi dai partiti e molte volte completamente incompetenti, in vari casi trombati dalla politica.
        Servono persone esperte in ogni settore e non servono stipendi d’oro.
        Il giusto e equo rapportato agli stipendi umani. Non c’è nessun super sulla terra, sono solo invenzioni di amici.

      2. Scritto da Gianni

        Signora, esistono anche i tecnici della contabilità che possono guidare un’azienda….. insieme a tecnici scientifici, meccanici e di idraulica. I politici usano uniacque e altri enti come poltronificio di consolazione per le loro terga…. Sono assolutamente inutili (e costosi)

  3. Scritto da sete

    le solite beghe interne al PD e a NCD, in vista delle prossime amministrative