BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Capelli (Ncd): “Se Maroni smentisce Salvini con i fatti noi rimarremo fino alla fine”

"Alfano? Inutile e cretino”. “Salvini? Un quaquaraquà”. Il botta e risposta a distanza tra il leader della Lega Nord Matteo Salvini e quello del Nuovo Centrodestra Angelino Alfano ha creato non poco imbarazzo in Regione Lombardia. Angelo Capelli però è fiducioso.

Più informazioni su

"Alfano? Inutile e cretino”. “Salvini? Un quaquaraquà”. Il botta e risposta a distanza tra il leader della Lega Nord Matteo Salvini e quello del Nuovo Centrodestra Angelino Alfano ha creato non poco imbarazzo in Regione Lombardia, dove le due forze politiche governano insieme. Il presidente Roberto Maroni ha provato a gettare acqua sul fuoco delle polemiche, ma Roberto Formigoni in un’intervista a La Stampa ipotizza una spaccatura definitiva. "Beh, se la linea è quella emersa domenica, sarà difficile continuare insieme – ha spiegato l’ex governatore -. La nostra maggioranza si regge sugli accordi del 2013, su un programma moderato, riformatore, popolare, in continuità con le mie giunte. Ora ci sembra che Maroni abbia cambiato idea, visto che parla di “una giornata importante” e di “una svolta”. Dunque anche per lui siamo dei traditori? Anche lui considera Alfano un cretino?".

Angelo Capelli, consigliere regionale del Nuovo Centrodestra, è convinto che sulla base del lavoro fatto negli ultimi mesi si possa continuare a governare insieme al Carroccio. “Il Nuovo Centrodestra vuole farsi carico del bisogno di riforme che il paese non ha mai ricevuto – spiega Capelli -. Lo stiamo facendo al governo e lo abbiamo fatto anche in Regione Lombardia. Maroni ha riconosciuto il nostro ruolo su temi molto importanti come la riforma della Sanità, quella del Turismo e anche dell’Artigianato. Il presidente deve molto dei suoi contenuti all’azione di governo fatta da noi. Se lavoriamo per costruire, come abbiamo fatto finora, noi ci siamo e ci saremo”.

Le parole di Salvini sul palco di Bologna però hanno lasciato il segno. “Sono assolutamente non condivisibili – continua Capelli -. Il palco di Bologna, di fatto, ha sancito il passaggio di consegne tra Berlusconi e Salvini. Forza Italia ha fatto una scelta ben precisa, sostenendo un partito con una forte posizione anti europeista. Maroni ha preso le distanze dalle parole forti di Salvini, pur riconoscendo la linea politica. A questo punto credo che sia un problema interno alla Lega Nord”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carlo57

    Purtroppo Angelino è involontariamente ridicolo, nella banale retorica e spasmodica ricerca di salutare gli astanti che manco lo guardano. I comici ringraziano facendo parodie. E Salvini, inevitabilmente Clown per le sparate che fa pur di incrementare consensi, nel suo teatrino deve comportarsi da Villano per piacere alla Massa.

  2. Scritto da massimo

    Salvini e Alfano. Uno scontro fra titani del pensiero forte.

  3. Scritto da coerenzazero

    Vedere quella massa di creduloni a bologna mi avrebbe fatto sorridere ma c’e’ invece di che preoccuparsi che tanta gente dopo 20 anni che li intortano alla grande creda ancora a questi politici. Tuonano contro Renzi che pero’ governa grazie al braccio sinistro di Berlusconi (Alfano & NCD) e fa riforme anche col braccio destro (Verdini & Co). Salvini che fino a poco fa urlava “MAI PIU’ CON SILVIO” e poi ci governa in regione e se lo porta pure in piazza! Idem contro Alfano e NCD… fate vobis!