BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ladri di biciclette? Con il microchip non più

Quante biciclette rubano ogni giorno a Bergamo? Tantissime, almeno dai post pubblicati di Facebook nel tentativo spesso vano di rintracciarle. Ora la tecnologia potrebbe dare una mano ai derubati.

Quante biciclette rubano ogni giorno a Bergamo? Tantissime, almeno dai post pubblicati di Facebook nel tentativo spesso vano di rintracciarle. Ora la tecnologia potrebbe dare una mano ai derubati. In Parlamento infatti è stata presentata una proposta di legge per contrastare i furti di bici. Come? Con un microchip. Il ddl è stato depositato dal deputato del Movimento 5 Stelle Paolo Bernini, e nasce dal lavoro del collaboratore parlamentare Lorenzo Andraghetti con la consulenza delle associazioni italiane legate al mondo del ciclismo (Fiab, ANCMA, Salvaciclisti, Paolo Pinzuti di Bike Italia) e di alcuni rappresentanti istituzionali (ad esempio il comando provinciale di polizia Milano e l’assessore alla mobilità del comune di Parma).

“Per combattere il fenomeno dei furti – spiega Bernini – ci siamo resi conto che dobbiamo dare uno strumento in più alle forze dell’ordine”. In questo caso si tratta di un microchip Rfid(identificazione in radio frequenza), che i proprietari delle bici dovrebbero far installare in un punto nascosto del telaio dei loro mezzi a due ruote. Il dispositivo diventerebbe obbligatorio per i mezzi nuovi e facoltativo per quelli già esistenti. “Il microchip funzionerebbe come un certificato di proprietà”. Alle forze di polizia, città per città, lungo tutto il territorio nazionale, quindi, verrebbero forniti dei lettori in grado di identificare il codice della bici in questione, che nel caso venisse rubata, e poi ritrovata, potrebbe essere restituita al suo legittimo padrone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emanuele

    Sarebbe una bella idea! Soprattutto sulle bici di un certo costo già in linea dovrebbero inserirlo nei tubolari prima dell’assemblaggio, così se qualche “furbone” pensa di aver vita facile per liberarsene deve come minimo segarsi il canotto della bici… :-)

  2. Scritto da irina

    Wow sarebbe super a me hanno già rubato 2 nuove di zecca,spero che metteranno davero questo cip.

  3. Scritto da XXX

    Grande invenzione il microciop sulla bici,infatti la bici come un autoarticolato ha mille posti in cui nascondere un microciop… Grande!