BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I sette benefici di un abbraccio Ma a volte è difficile!

Lo psicologo Massimo Masserini stavolta ci porta nel mondo degli abbracci che sembrano un semplice gesto, ma racchiudono un simbolismo evolutivo che appartiene a tutte le culture, espressione di molteplici emozioni e sensazioni.

di Massimo Masserini, psicologo

L’abbraccio esprime un gesto d’affetto. Un abbraccio è un mezzo per diventare complici fisicamente e psicologicamente con la persona che avvolgiamo.

Ci mettiamo in contatto con l’altro, si entra nel mondo dell’intimità con la persona abbracciata. Ci stringiamo a chi abbracciamo, ci si avvolge e si diventa quasi una persona sola, con le braccia che stringono la persona a sè: sembra un semplice gesto, ma racchiude un simbolismo evolutivo che appartiene a tutte le culture, espressione di molteplici emozioni e sensazioni.

Nell’abbraccio si comunica in modo non verbale gioia, amore, felicità, affetto, tenerezza, ma anche paura, timore, ansia, tristezza.

Le coppie nell’abbraccio si identificano in uno scambio significativo e circolare.

In un abbraccio, possiamo ritrovare almeno 7 caratteristiche benefiche nell’atto di abbracciare, confermate da studi scientifici:

– un abbraccio a un giovane aumenta le capacità mentali, facendo aumentare la sua autostima e auto-efficacia percepita, aiuta nell’identificarsi.

– nell’abbracciare qualcuno ci si ritrova, a livello psicologico e sociale; si combatte la depressione, ci si sente compresi e si combatte la solitudine

– l’abbraccio aumenta il livello dell’ormone del benessere e della serenità: l’ossitocina. Può aumentare il battito cardiaco dovuto ad una intensa emozione, e quindi un quasi-allenamento dell’apparato cardiocircolatorio.

– un abbraccio può anche abbassare la pressione sanguigna, un abbraccio tenero e con sentimenti di comprensione del dolore emotivo tranquillizza le persone che si sentono protette.

– Nell’abbraccio aumentano in valori di emoglobina del sangue, fondamentale per trasportare ossigeno dai polmoni ai vari tessuti corporei.

– Abbracciare una persona significa Com-prenderla nella sua identità e proprio per questo renderla libera e autonoma, si può entrare in un momento di trance nel quale lo stato di coscienza risulta modificato.

– Abbracciare una persona ci lega ad essa.

Ma può essere difficile abbracciare!

A volte abbracciare qualcuno risulta difficile, come è difficile aprirsi psicologicamente a qualcuno, anche e soprattutto se legati intimamente ed affettivamente.

Psicologicamente molte persone, fanno fatica ad esprimere le loro emozioni, che diventano indicibili, e l’abbraccio è come esprimerle in modo non verbale.

Il gesto dello stringere qualcuno a sè, può creare imbarazzo, vergogna, paura, tensione, rigidità: proprio perché si diventa più fragili e aperti.

In questa società contemporanea dove ci si sta individualizzando sempre di più, risulta difficile diventare una coppia unita, anche solo per pochi secondi.

Ogni persona ha un proprio modo inconscio di svelarsi agli altri, un proprio spazio prossemico interiore, magari inconsapevole, ma necessario per sentirsi sicuro e non invaso dall’altro. 

A volte un abbraccio troppo invadente potrebbe essere interpretato male dall’altro. 

Abbracciare il mondo vuole dire abbracciare se stessi per ritrovarsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.