BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

De Roon, partita perfetta Gomez fa ammattire tutta la difesa rossonera

L'olandese sfodera una prestazione da grandissimo campione in mezzo al campo, ancora molto bene l'esterno argentino che è, ancora una volta, l'uomo in più dei nerazzurri.

Più informazioni su

Sportiello 6: non tantissimo lavoro per il portierone nerazzurro che nel primo tempo commette qualche incertezza di troppo ma, nel complesso, se la cava bene come sempre.

Raimondi 6.5: il guerriero bergamasco è un vero leone. Nonostante un Niang insidioso che, soprattutto nel primo tempo, lo mette qualche volta in difficoltà, lui non sfigura e non rinuncia neanche ad attaccare.

Paletta 7: Bacca è un cliente scomodossimo ma l’ex di turno se la cava alla grandissima, lasciando sempre pochissimo spazio e giocando puntualmente sull’anticipo.

Toloi 6.5: il brasiliano si riprende alla grande e, dopo il disastro di Bologna, torna centrale e gioca una buonissima partita al fianco di Paletta.

Dramè s.v. (19′ pt Bellini 6: il terzino di Sarnico viene chiamato in causa all’improvviso, con il ko di Dramè, e risponde presente senza grossi affanni).

Grassi 6.5: una delle migliori prestazioni di questa prima parte della stagione per il giovane bresciano che giganteggia a centrocampo rendendosi anche più volte pericoloso dalle parti di Donnaruma, che gli nega il primo gol in A a metà ripresa (26′ st Carmona s.v.).

De Roon 7.5: l’olandese, per la prima volta nel tempio di San Siro, gioca con la solita incredibile tranquillità comandando il centrocampo, impostando l’azione e rubando un’infinità di palloni.

Cigarini 6.5: il Ciga sembra quello dei tempi migliori, abilissimo nel palleggio e geniale nelle verticalizzazioni. Pericoloso anche con un colpo di testa nella ripresa, dopo un insolito – per lui – inserimento nella difesa rossonera.

Maxi Moralez 6.5: il folletto argentino si muove molto e va sempre a cercare la palla. Molto meglio nella ripresa quando mette spesso e volentieri in crisi Antonelli con le sue iniziative sulla destra.

Pinilla 6: tanto sacrificio per la squadra, una marea di falli conquistati ma nessun tiro nello specchio della porta del Milan e un cartellino giallo incredibilmente sciocco e inutile (45′ st Denis s.v.).

Gomez 7.5: il Papu è, ancora una volta, l’uomo in più dell’Atalanta. Sulla sinistra fa letteralmente ammattire la retroguardia rossonera con i suoi dribbling e con le sue accelerazioni. Pericoloso anche in zona-gol.

 

Reja 7: la sua Atalanta piace parecchio per il gioco, per la personalità, per la mentalità. Si torna da San Siro addirittura col rammarico di non aver vinto, sembra quasi incredibile se si ripensa a meno di una settimana fa quando i suoi ragazzi crollavano malamente contro il Bologna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronika

    Sportiello s.v.
    Raimondi 6,5
    Paletta 6,5
    Toloi 7,5
    Dramè s.v.
    Bellini 6,5
    Grassi 7
    Carmona 6,5
    De Roon 7
    Cigarini 7,5
    Maxi Moralez 6,5
    Pinilla 6,5
    Denis s.v.
    Gomez 7
    Reja 7,5

  2. Scritto da giulio

    Come scrissi domenica scorsa, “i bravi o stanno in campo o in tribuna”.
    Ieri la conferma e questa è l’Atalanta (del primo tempo) con uniche alternative Masiello, Stendardo e Carmona.
    Spero che anche Reja con tutto il rispetto che ho ne prenda atto!!!

  3. Scritto da solodea

    La penso come dopo il Bologna: questa è da sempre stata l’ATALANTA, che gioca partite incredibili in un senso o nell’altro, ma proprio per questo deve essere “amata” e tutto quello che viene non è mai “rubato” e deve esere accettato con gioia o con dispiacere, ma mai con vergogna.

  4. Scritto da matteo

    Sicuramente una buona prova di personalità a s.siro ma brucia ancora il disastro di Bologna!!!Spiace dirlo ma la dea pecca di continuità di rendimento sotto forma di maturità di squadra e questo è un forte limite