BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Comitati in strada contro l’aumento di rifiuti bruciati al cementificio

La petizione è stata firmata da diecimila persone eppure la richiesta presentata da Italcementi di bruciare 110 mila tonnellate di rifiuti (contro le trentamila attuali) nel cementificio di Calusco non si è fermata.

La petizione è stata firmata da diecimila persone eppure la richiesta presentata da Italcementi di bruciare 110 mila tonnellate di rifiuti (contro le trentamila attuali) nel cementificio di Calusco non si è fermata. E’ per questo motivo che comitati e cittadini dell’Isola e del Meratese scendono di nuovo in strada. La manifestazione, sabato 7 novembre, attraversa le vie del centro di Calusco d’Adda. L’evento è promosso da Rete Rifiuti Zero Lombardia e dai i Comitati La Nostra Aria e Aria Pulita Centro Adda.

“La politica troppo spesso si è dimostrata più attenta agli interessi delle multinazionali che non a quelli dei cittadini e dell’ambiente – si legge nel volantino della manifestazione -. L’art. 35 dello “Sblocca Italia” consente di utilizzare i cementifi come inceneritori di rifiuti e senza usare gli stessi limiti per le emissioni: un cementificio può inquinare sino a 7 volte di più. Diciamo BASTA all’inquinamento e al profitto dei privati sulla pelle degli abitanti dell’Isola Bergamasca, del Meratese e della Brianza. La nostra salute va tutelata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da informatore

    Purtroppo la disinformazione della popolazione è allarmante. Bisogna capire bene i processi di produzione per andare a dare delle conclusioni. Il cementificio brucerà alla fine quello che deve bruciare è non ci saranno cambiamenti per quanto riguarda l’inquinamento. Basta con questi comitati nati per disinformare

  2. Scritto da aldo

    questi ci stanno ammazzando grazie alla leggi renzi/clini 2013
    chiunque firma l autorizzazione a procedere all italcementi provincia ,regione,comune farà i conti con il POPOLO !!!ASSASSINI

  3. Scritto da BeRGHEM

    Decreto sblocca Italia. Renzi piu’ ridicolo di Berlusconi. Pd senza ritegno e senza vergogna, soprattutto. Mentre l’ Europa civile chiude gli inceneritori e le discariche noi le apriamo. Schifosamente vergognoso.
    Pd completamente prostrato in avanti verso il dio soldo e i poteri forti.