BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alpinisti smarriti sulle vette della Presolana salvati dai soccorsi

La chiamata alla VI Delegazione Orobica del Soccorso alpino è giunta dalla centrale operativa del 112 poco prima delle 17.30. I tecnici del CNSAS sono partiti immediatamente e, grazie alla meticolosa conoscenza dei posti, mantenendo il contatto telefonico, sono riusciti ad avere indicazioni utili per localizzarli con precisione. I due escursionisti milanesi si trovavano in cresta fra la Presolana Orientale e quella Centrale, a circa 2500 metri di altitudine.

Recuperati sani e salvi due alpinisti di Milano di 52 e 51 anni, un uomo e una donna, bloccati venerdì sera sulla cresta della Presolana perché avevano perso l’orientamento e il buio rendeva tutto più difficile.

La chiamata alla VI Delegazione Orobica del Soccorso alpino è giunta dalla centrale operativa del 112 poco prima delle 17.30. I tecnici del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) sono partiti immediatamente e, grazie alla meticolosa conoscenza dei posti, mantenendo il contatto telefonico, sono riusciti ad avere indicazioni utili per localizzarli con precisione. I due milanesi si trovavano in cresta fra la Presolana Orientale e quella Centrale, a circa 2500 metri di altitudine. E’ stato loro indicato come punto di riferimento la Croce della Centrale, mentre i tecnici li raggiungevano a piedi, risalendo il Canale Bendotti, dopo avere lasciato i mezzi fuoristrada al Rifugio Cassinelli. La discesa è avvenuta per mezzo di calate con corde perché il posto è molto impervio. I due alpinisti sono stati riaccompagnati a valle, illesi, alcune ore dopo.

"Quando si programma un itinerario in quota è fondamentale calcolare con precisione i tempi per il rientro – raccomandano gli esperti del soccorso alpino -, in particolare l’ora del tramonto: in questo periodo il buio sopraggiunge in poco tempo e può rendere tutto molto più complicato e rischioso, sia per le persone che si trovano in difficoltà, sia per i soccorritori. La programmazione di ogni singola escursione deve prevedere una valutazione attenta delle proprie abilità alpinistiche o di movimento in montagna, la lunghezza del percorso e l’impegno richiesto, l’attrezzatura necessaria, le caratteristiche ambientali del territorio e il modo in cui esse possono variare rispetto alla stagione. Inoltre, non bisogna esitare a chiedere immediatamente soccorso, non appena si capisce di non essere più in grado di procedere: poche ore di luce a disposizione infatti possono determinare l’esito dell’operazione, perché con l’oscurità ogni movimento si complica e i tempi si allungano ulteriormente. I tecnici del soccorso alpino sono persone che conoscono il loro territorio nei minimi dettagli e questo consente loro di muoversi con grande competenza ma in montagna il rischio non è mai nullo, neppure per gli esperti: ecco perché rispettare poche regole di base significa non mettere in pericolo la vita delle persone".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.