BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara, il biologo dei Ris: “Sugli slip forti tracce di dna maschile”

Nuova udienza del processo a Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore di Mapello in carcere da oltre un anno per il brutale delitto della tredicenne Yara Gambirasio. In aula Fabiano Gentile e Nicola Staiti, due capitani dei RIS, entrambi biologi

Nuova udienza del processo a Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore di Mapello in carcere da oltre un anno per il brutale delitto della tredicenne Yara Gambirasio.

In aula Fabiano Gentile e Nicola Staiti, due capitani dei RIS, entrambi biologi, che hanno svolto diversi accertamenti nel corso dell’indagine condotta dal pm Letizia Ruggeri.

In particolare sugli indumenti che Yara indossava quando è stata ritrovata il 26 febbraio 2011 nel campo di via Bedeschi a Chignolo d’Isola.

"Prima ancora del ritrovamento del cadavere, avevamo estratto il dna della ragazzina da un suo spazzolino – spiegano nella loro deposizione congiunta di fronte alla corte d’Assise presieduta dal giudice Antonella Bertoja – .

Dopo il rinvenimento del corpo abbiamo analizzato dettagliatamente i vari indumenti. Sugli slip, in particolare, abbiamo ritrovato tracce di dna maschile. In alcune aree c’era una forte presenza. Stiamo parlando della zona in prossimità del taglio, quella latero posteriore".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.