BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un taglio agli sprechi A Palafrizzoni via 325 fax da 54 mila euro all’anno

Che senso ha, nell'era di internet e degli smartphone, mantenere centinaia di fax? Se l'è chiesto anche l'assessore all'Innovazione del Comune di Bergamo Giacomo Angeloni quando ha scoperto il costo della manutenzione degli antiquati apparecchi.

Più informazioni su

Che senso ha, nell’era di internet e degli smartphone, mantenere centinaia di fax? Se l’è chiesto anche l’assessore all’Innovazione del Comune di Bergamo Giacomo Angeloni quando ha scoperto il costo della manutenzione degli antiquati apparecchi. Può sembrare incredibile, eppure a Palafrizzoni nel 2015 esistono ancora 325 fax che costano ogni anno 54 mila euro tra controlli e ricambio dei toner. Oltre che una spesa inutile è un affronto nei confronti di chi ogni giorno è costretto ai salti mortali per far quadrare i conti.

Angeloni non ci ha pensato un secondo: via tutti i fax non necessari. Non è stata impresa semplice, perché inizialmente è stato perfino difficile sapere quanti erano in funzione. “A luglio siamo partiti con una richiesta precisa – spiega l’assessore – cioè avere il dato di quanti sono i fax attivi dell’amministrazione comunale. L’obiettivo era toglierli. All’inizio non è stato possibile quantificarli, poi dopo una revisione interna siamo riusciti a scoprire che sono 325. Il costo della manutenzione è di 54 mila euro all’anno. Ora li elimineremo e lasceremo attive non più di dieci utenze negli uffici dove questo mezzo di comunicazione è ancora indispensabile. Qualche settore ha già fatto da sé: ad esempio i Servizi Sociali da agosto stanno utilizzando la posta certificata anche per comunicare con istituzioni con cui prima si scambiavano fax”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da La verità fa male

    Ma quanti difensori di ufficio dei politici !! Cari Carlo e Lauro, lasciate perdere: se non lo avete ancora capito milioni di italiani vivono di “sistema pubblico”, ma non del “sistema pubblico” eccellente dei tempi antichi, vivono proprio di “questo sistema pubblico” e i politici sono i loro datori di lavoro diretti e indiretti. Non mi stupisce affatto che questi milioni di italiani (guarda caso quasi tutti di sinistra) si stracciano le vesti pur di giustificare i politici

    1. Scritto da Pensa te !

      Molto semplicemente io che non ho mai vissuto nè vivo di sistema pubblico trovo demenziale non guardare alle responsabilità delle persone e se una prende l’iniziativa di fare qualcosa di utile e intelligente la apprezzo . Magari a differenza di quanto fa lei che se una cosa non l’hanno fatta il PDL (e suoi derivati) o la LEGA bisogna parlarne male , e questa insieme ad un’immensità di altre non l’hanno proprio fatta, avendo la propensione di fare danni. Pensa te !

  2. Scritto da Narno Pinotti

    Ricordo a Carlo e Lauro, fra i tanti, che il vigile che timbrava in mutande e il canottiere in orario di lavoro, a Sanremo, sui loro profili Facebook scrivevano e condividevano commenti al vetriolo sui politici ladri. Un episodio molto, molto, molto istruttivo.

    1. Scritto da La verità fa male

      Sa cosa le dico? quel vigile e il canottiere in orario di lavoro sono molto simili ai tanti dipendenti (soprattutto della P.A.) che da tutti i social network tuonano continuamente contro artigiani e commercianti “evasori fiscali” salvo poi, il giorno di stipendio di ogni mese, passare alla cassa senza guardare in faccia al fatto che la loro busta paga viene corrisposta anche grazie alle tasse e ai contributi versati da molti di questi presunti “evasori”

      1. Scritto da Piero

        Perche’ lei e sempre così male informato ? Tasse e contributi sono parte integrante della retribuzione e quindi nel contratto che lega datore di lavoro e dipendente ( e’ un contratto anche quello ., come tutti gli altri) i soldi sono del dipendente ed il datore di lavoro li versa PER CONTO. O e’ sua anche l’Iva che pago io e versa lei ? Roba da matti.

  3. Scritto da carlo

    bene .. fatti due conti visto che i fax sono obsoleti da tempo avete buttato al vento almeno 5 anni di nostri soldi .. 54×5 a casa mia fanno più di 250.000 € !!! bravi bene bissss

    1. Scritto da il vento

      caro Carlo vorrei chiarirti e precisarti che i responsabili NON sono gli assessori od altri politici i quali, come tu forse NON sai, in questi casi NON contano nulla, ma i SIGNORI (riferito allo stipendio di oltre exLire 300milioni all’anno) DIRIGENTI ai quali la cosiddetta legge bassanini ha demandato TUTTI i POTERI Gestionali del Comune. E quindi la responsabilità è solo LORO !!!

    2. Scritto da Nando Ragio

      a parte che l’attuale assessore è in carica da un anno, quindi semmai attribuisci la responsabilità SOLO per questo periodo. ma al di là di questo aspetto, secondario, è evidente che ragionando a modo tuo, qualunque cosa succeda non potrà mai andar bene nulla. mai ed in nessun caso. non ti invidio. quando (e se) approveranno una legge che tolga i privilegi ai politici, io esulterò perchè “era ora”, tu invece ti lamenterai dicendo “eh ma dovevano farla 30 anni fa”.

      1. Scritto da Lauro

        Secondario sperperare con noncuranza per anni i soldi dei contribuenti??????? Ho capito bene????? Aprite, aprite tutto, fatela uscire se riesce, talmente è grossa!!!!!

      2. Scritto da carlo

        Nando impara a leggere. Io ho scritto “avete” (quindi non riferendomi alla singola persona) ed il mio riferimento è alla politica in generale che ha sperperato, sperpera e sperpererà .. ahh scusa .. ma tu non ti sei accorto di questo .. certo dimenticavo. Poi il mio non era un ragionamento ma un dato di fatto! I denari vengono spesi male … o adesso mi dici che i nostri soldi vengono spesi bene ? No dico saresti uno dei pochi a pensarla così. Te salude .. ottimistello dell’ultima ora !

        1. Scritto da Sandro

          Peccato che stai mettendo qualuntisticamente nello stesso calderone chi fa le cose bene (come in questo cado) e chi le fa male. Atteggiamento che non serve a nulla ed a nessuno se non a fornire un alibi a chi le fa male. Così può dire : siamo tutti uguali. Un bel cavolo !

        2. Scritto da Beppe

          I politici che abbiamo sono lo specchio riflesso dei cittadini che li hanno votati. Non è forse vero che molti (non tutti) italiani appena possono si avvantaggiano ?(per non dire rubano?)
          Come mai ad ogni angolo c’è un sacco di spazzatura? (colpa solo dei politici?) Come mai l’evasione fiscale è alle stelle? (colpa solo dei politici?)

        3. Scritto da Mavalà

          Ed il qualunquismo del tuo commento sarebbe la cura ? Il concetto di responsabilità ti è ignoto ? Scommetto che se ti chiedessi chi hai votato in questi anni e tu rispondessi in maniera credibile scatterebbero delle grasse e amare risate.

        4. Scritto da Nando Ragio

          sono d’accordo con voi che i politici rubano, sperperano, spendono male, ecc… è vero e non ho nessuna intenzione di contestarlo. la cosa che invece non capisco è la seguente: quando qualcuno che ha il potere di farlo, sistema un piccolo pezzettino di un sistema malato, che fa acqua da tutte le parti, non varrebbe la pena dire “finalmente!” anzichè dire “dovevate pensarci prima”? tutto qui. comunque continuate ad insultarmi, se vi fa stare meglio ;-)

        5. Scritto da roberta

          Quell’ “avete” utilizzato per indicare i politici, generalizzando, e quasi a voler prendere le distanze è ributtante.
          I cittadini che si lamentano dei politici sono colpevoli TANTO E PIU’ degli stessi politici, se non si sono mai candidati in prima persona e quindi messi in gioco. Troppo facile pontificare dal divano e lamentarsi seduti al computer.

  4. Scritto da Alberto

    E’ una buona iniziativa, bravo assessore.