BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rossi-Marquez-(Lorenzo) In rete sfida già vinta dal campione di Tavullia

Gli amici di Twig, una start-up che offre servizi integrati di data mining, information managing e data visualization, hanno analizzato le reazioni della rete dopo lo scontro tra i tre centauri: in attesa dei risultati della pista, a stravincere è Valentino Rossi.

Più informazioni su

Il gran premio di Sepang con lo scontro Rossi-Marquez-(Lorenzo) ha scatenato la rete.

Google Trend mostra come l’attenzione sulla vicenda sia molto elevata: il livello di interesse su Rossi nel mondo è al massimo (100 punti), quello per Marquez decisamente più basso al 33 mentre Lorenzo si attesta al 7. Paradossale che il corridore maiorchino, accreditato per diventare il prossimo campione del mondo, sia rimasto nell’ombra e che il mondiale sembri quasi un scontro fra gli altri due contendenti.

Grafico1. Analisi su Google Trend: ricerche Rossi (azzurro)-Marquez (rosso)-Lorenzo (giallo) in tutto il mondo.

Per capire quale sia l’umore in rete, Twig ha studiato le conversazioni prodotte su Twitter dove Rossi ha 3,9 milioni di follower, Marquez 1,63 e Lorenzo 1,24.

Dal 25 ottobre al 3 novembre sull’argomento sono stati prodotti 221.738 tweet. Twig li ha analizzati per capire cosa pensassero gli italiani della questione, cosa li avesse appassionati o fatti arrabbiare. Il risultato? Subito dopo il gran premio la reazione è stata di spaesamento. Un terzo dei fan ha giudicato negativamente il campione di Tavullia (il 21% sostenendo che a perdere sia lo sport e che entrambi i corridori fossero da censurare, mentre addirittura il 15% degli italiani sta con Marquez). Due terzi (64%) invece stavano con Valentino Rossi “senza se e senza ma”.

Come sappiamo nelle ore successive si sono susseguiti video e interviste. Il tam tam mediatico sembra aver spostato sensibilmente l’opinione pubblica, tant’è che dal 26 ottobre in poi i tweet pubblicati sono in gran parte pro Rossi (81%) mentre solo il 4% si schiera con Marquez e il 15% resta di fatto neutrale.

Grafico2. Analisi del sentiment dei tweet dal 25 ottobre al 3 novembre.

Quali sono le colpe che i tifosi imputano a Rossi? Sicuramente colpiscono la mancanza di sportività (ad es. “@ValeYellow46 @marcmarquez93 nel calcio sarebbe fallo di reazione. Vai fuori”) e l’ingenuità di essere caduti nella provocazione di Marquez (ad es. Rossi ha sbagliato. Punto e basta. Ma la provocazione di #Marquez nei giri precedenti era evidente). Chi difende il centauro italiano si concentra sul concetto di legittima difesa e sull’inevitabile ribellione a un’alleanza ritenuta ingiusta fra i due corridori spagnoli (ad es. “Che @lorenzo99e @marcmarquez93 facciano combinella è chiaro. Che @ValeYellow46 si è difeso da attacchi continui è chiarissimo”).

Il giudizio su Marquez è più variabile e si evolve in funzione dei materiali video che girano in rete: in un primo momento viene accusato principalmente di essere antisportivo perché ha voluto favorire Lorenzo frenando Rossi (che l’ha fatto cadere per reazione). Poi col passare delle ore prende corpo l’idea che il campione del mondo uscente abbia di fatto simulato la caduta (ad es. “Colpisce il ginocchio di @ValeYellow46 e aspetta la reazione per lasciarsi cadere. #MalaysianGP ”).

Anche le analisi su Twitter mettono in mostra come il dibattito coinvolga meno Lorenzo. Dai tweet che lo riguardano emergono però due elementi interessanti: l’immagine di un pilota che è moralmente colpevole di quanto successo in quanto alleato di Marquez in una sorta di scontro fra giovani rampanti spagnoli contro la ‘vecchia’ gloria italiana (“#MalaysianGP @lorenzo99 ormai hai vinto il mondiale con l’aiutino almeno abbi il buon gusto di stare zitto”), e la debolezza dello sportivo che si sottrae allo scontro (ad es. @marcmarquez93 e @ValeYellow46 se le sono date di santa ragione, ma il peggiore è sicuramente #Lorenzo: vuoi vincere senza correre?).

Sarà la pista a mettere fine a questa diatriba.

In attesa di Valencia però gli utenti di Twitter stanno lasciando spazio all’ironia ed emergono post come: “Miss Italia dice la sua sul caso Rossi – Marquez: "per me non era rigore, anche se non me ne intendo”.

Sta crescendo infine l’attesa per il gran premio e la speranza di una rimonta di Valentino Rossi: “@ValeYellow46 non arrenderti: vai a Valencia e compi il capolavoro dei capolavori !!! Sarà una #lezionedivita per i #mediocri !!!”.

Vedremo come reagiranno i tifosi sulla rete dopo l’esito della gara.

(Analisi compiuta da Twig)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maurizio

    Che Rossi possa aver sbagliato perchè caduto nella trappola della provocazione è indubbio. La moto GP è però uno sport singolo e non di squadra e, pertanto, si dovrebbe vedere chi corre per vincere e non chi corre per non far vincere … e se alla fine Rossi vince lo stesso qualcuno dovrebbe andare a nascondersi anche se la loro carriera resterà per sempre inficiata da questo spiacevolo ricordo in questo sport.

  2. Scritto da tex

    bene, ma speriamo che paghi le tasse ……………..

  3. Scritto da il polemico

    siamo in italia,che ci si poteva aspettare?immagino che pure per la spagna ci saranno gli stessi dati,ma nel resto d’europa,a che livello di interesse è la querelle in germania o gran bretagna?.in italia si è persino arrivati a dire che agostini ,che ha detto da subito che rossi aveva sbagliato,è un rosicone per i successi di rossi,contemporaneamente si prendevano ad esempio le dichiarazioni pro-rossi di jovanotti….rossi ha ammesso la sua scorrettezza,è stato giusto punirlo senza se o ma