BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Milan-Atalanta: quando Denis e Cigarini zittivano S. Siro Ex capitani ora gregari

Gli ultimi due exploit a Milano contro i rossoneri portano la firma del Tanque e del centrocampista emiliano: ora i due sono finiti ai margini del progetto nerazzurro, con Reja che preferisce le nuove leve a centrocampo e Pinilla al centro dell'attacco.

Più informazioni su

C’era un tempo in cui Luca Cigarini e German Denis erano in grado di mettere paura al Diavolo nella propria tana: le ultime due imprese dell’Atalanta nel San Siro colorato di rossonero portano infatti la firma del regista emiliano e del Tanque, sempre protagonisti nel Tempio del calcio sotto la guida di Stefano Colantuono.

Azione corale, sponda di Denis e rasoiata in buca d’angolo di Cigarini per il successo del 15 settembre 2012, contropiede con sentenza del Tanque a tu per tu con Diego Lopez il 18 gennaio 2015: ricordi che sembrano ormai lontanissimi da quando sulla panchina nerazzurra siede Edy Reja.

Il tecnico goriziano ha messo la sua firma sulla salvezza dello scorso anno e, dopo un’estate intera passata a diffondere il proprio verbo, ha stilato nuove gerarchie nelle quali Denis e Cigarini, una volta “capitani”, ricoprono il ruolo dei gregari.

Nell’undici ideale dell’ex tecnico della Lazio al centro dell’attacco c’è Mauricio Pinilla mentre a centrocampo la filosofia e l’equilibrio tattico impongono più clava e meno fioretto: ecco allora che i muscoli di De Roon e Carmona, la freschezza di Grassi e la capacità di inserimento di Kurtic hanno spinto i piedi educati di Cigarini sempre più spesso verso la panchina.

I numeri di questo primo scorcio di stagione sono, da questo punto di vista, eloquenti: cinque presenze e 257 minuti per Denis, 3 partite e 109 minuti per Cigarini, entrambi fermi a quota un gol in campionato.

Dopo il turnover di Bologna, Reja dovrebbe tornare ad affidarsi ai suoi fedelissimi: le due linee a tre di centrocampo e attacco con Carmona-De Roon-Kurtic e Moralez-Pinilla-Gomez non sembrano lasciare molto spazio per i ballottaggi.

Ma quattro punti in sei trasferte sono un po’ pochini e chissà che per interrompere il trend negativo lontano dall’Atleti Azzurri d’Italia Edy Reja non si affidi a chi a San Siro qualche dispetto al Milan lo ha già fatto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tina

    tranquilli che a Milano domenica prendiamo ancora tre belle pere , siamo una squadretta priva di idee

    1. Scritto da sergio prontera

      complimenti, meglio essere pessimisti e vedere un incontro come quello di ieri sera!!!

  2. Scritto da nino cortesi

    Lasciamo negli spogliatoi Reja (per turnover) e facciamo giicare la formazione titolare.
    Sportiello, Masiello, Toloi ( si Toloi proprio lui), Paletta, Dramè, Grassi, De Roon, Kurtic, Moralez, Pinilla; Gomez.
    Nel secondo tempo entra Cigarini e De Roon va al posto di Grassi.
    E il Milan lo strapazziamo, poverino.