BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fermata Treviglio Ovest I pendolari: “Soluzione ok ma servono corse più veloci”

Accoglienza tiepida per l'annuncio della reintroduzione della fermata Treviglio Ovest: il Comitato Pendolari Bergamaschi è contrario a nuovi treni sulla tratta che allungherebbero i tempi di percorrenza e chiedono invece che gli stessi vengano ridotti.

La reintroduzione della fermata Treviglio Ovest dal 16 dicembre prossimo, con quattro treni che faranno sosta, due da Milano e due da Bergamo, è stata accolta in maniera tiepida dal Comitato Pendolari Bergamaschi: piace la fermata in sé ma non l’inserimento di altri treni “che sulla tratta Bergamo-Milano via Pioltello effettuino fermata a Treviglio Ovest in futuro”.

In una lunga lettera, firmata Luca Ruggiero, il Comitato ha spiegato nel dettaglio le proprie ragioni, spingendo soprattutto in direzione di “una riduzione sostanziale dei tempi di viaggio”.

"Gentile assessore,

come Comitato Pendolari Bergamaschi approviamo questa soluzione, ma al tempo stesso rinnoviamo la nostra totale contrarietà all’inserimento di altri treni che sulla tratta Bergamo-Milano via Pioltello effettuino fermata a Treviglio Ovest in futuro. 

Non riteniamo infatti che si possano accettare ulteriori allunghi nei tempi di percorrenza della tratta, già di per sé troppo lenta e quindi ancora troppo poco "attraente" per molti cittadini che le preferiscono l’auto; riterremmo piuttosto auspicabile una riduzione sostanziale dei tempi di viaggio, verificato nei fatti e atteso da decenni.

Come ben sa inoltre, l’intero sistema di scambi intermodali (linea Bg-Bs, tram delle valli, bus per le valli) si regge su un sottile equilibrio che obbliga già i pendolari a prove atletiche per poter accedere alle coincidenze. Un ulteriore allungo dei tempi quindi presumerebbe una totale revisione del sistema, cosa da evitare in modo assoluto.

Ci auspichiamo di essere maggiormente coinvolti nelle fasi decisionali di questo tipo, per non arrivare a conoscenza di decisioni ormai prese, senza poter esaminarle e dare su di esse il nostro parere.

In concomitanza alla richiesta dei colleghi e amici del Comitato Pendolari della Bassa Bergamasca che viene in parte accolta, richiediamo che Regione Lombardia, Trenord ed Rfi prendano in esame per il cambio orario di giugno 2016 il prolungamento del treno 2633 da Milano delle 19,10 fino a Palazzolo sull’Oglio, soluzione attiva per anni e che permetteva ai pendolari dei comuni tra Bergamo e Palazzolo di rientrare dal lavoro in modo più comodo e, mi permetta, salutare da un punto di vista dello stress di viaggio.

Richiediamo altresì che una volta per tutte il traffico su Bergamo venga seriamente esaminato da Rfi e che in particolare nelle fasce pendolari venga rispettato l’arrivo e partenza in binari attigui per le linee Bs-Bg e Mi-Bg. Certi della sua attenzione, ringraziamo".

Lucia Ruggiero, per il Comitato Pendolari Bergamaschi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano

    Ma chi scrive che la stazione di Treviglio Ovest è inutile, ci è mai stato al mattino o la sera? La stazione serve anche molti pendolari provenienti da paesi limitrofi, mica c’è solo Treviglio città. Se si vuole discutere se sia utile o meno un ulteriore treno che ferma facendo perdere 3 minuti, a fronte di molti altri treni a disposizione, parliamone. Ma se si tratta di scrivere che la stazione è inutile… Si tratta di avere del cervello, quando si vuole commentare una notizia!

  2. Scritto da Narno Pinotti

    Le migliaia di pendolari fra Bergamo e Milano usano dieci treni diretti, e sto esagerando: 7,02 7,16 7,32 8,02 8,32 al mattino; 17,10 17,25 18,10 18,30 19,10 la sera. Fine. Tutte le altre corse possono e dovrebbero sostare anche a Treviglio ovest: i 3′ di allungamento del viaggio sarebbero compensati da qualche passeggero pagante in più su treni ora pressoché vuoti.

  3. Scritto da Rob

    In realtà il modo per avere la botte piena (fermata a Ovest) e la moglie ubriaca (tempi di percorrenza decenti) esite, in termini di progetto. Il problema è che RFI non ha intenzione di investire su questa tratta: si chiama salto di montone (intersezione a livelli sfalsati) all’immissione sulla linea Milano-Venezia, che permetterebbe di recuperare alcuni minuti preziosi.

  4. Scritto da andrea

    Basterebbero 2/3 fermate giornaliere per ogni senso di marcia per migliorare il servizio senza penalizzare i pendolari del borgo capoluogo. Non mi pare una richiesta scandalosa, anzi.

  5. Scritto da gigi

    L’assurdità è che dopo il raddoppio della linea Bergamo-Treviglio e il quadruplicamento della Treviglio-Milano, i collegamenti da Bergamo sono molto più lenti di quando c’erano le littorine negli anni 30.
    Poichè i pendolari di Bergamo sono la stragrande maggioranza e Treviglio ha già una stazione servitissima (a poche centinaia di mt.) è assurdo che si pensi di far fermare treni a Treviglio Ovest negli orari di punta.

    1. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

      Sono d’accordo con lei sull’analisi del servizio a Treviglio, trovo scandaloso che si ripristini la fermata in quella stazione quando c’è la stazione “centrale” che ha una coperture oserei dire perenne (tra diretti e passante ferroviario”.

      Un po’ meno sul fatto che la stragrande maggioranza dei pendolari sulla linea vengano da BG, la stazione Verdello-Dalmine è altrettanto strategica e tantissima gente la utilizza.

  6. Scritto da Nicola

    La stazione di Treviglio Ovest non ha neanche ragione di esistere figuriamoci far fermare dei treni…
    O Verdello o Treviglio Ovest: mettetevi d’accordo con i vostri colleghi di Verdello, per noi quale sia non cambia niente, MA DI FERMATA SE NE FA SOLO UNA!!!

    1. Scritto da Tasslehoff

      Si da il caso che un collegamento diretto Treviglio già ce l’ha, e anche molto ben servito e coadiuvato anche dal passante ferroviario.
      Per le tantissime persone che stanno tra BG e Treviglio (diversi anche che abitano in periferia a BG, che preferiscono andare a Verdello che impazzire per raggiungere la stazione di BG) invece non c’è alternativa alla stazione di Verdello-Dalmine.

      Quindi la scelta mi pare abbastanza scontata.

    2. Scritto da Narno Pinotti

      È noto che i regionali delle 5,02 o delle 23,02 sono strapieni già a Verdello di gente che ha una fretta indiavolata di arrivare a Milano per timbrare il cartellino. Viceversa un trevigliese che voglia andare a Bergamo per un film senza l’ansia del parcheggio o o una cena in cui e bere due bicchieri senza temere etilometri si deve attaccare… al taxi, perché l’ultimo treno è alle 21,21.

      1. Scritto da sta scherzando, vero?

        Infatti sui regionali notturni nessuno ha niente da dire. Però dubito assai che ci sia un trevigliese che viene a Bergamo al cinema in treno…E allora tutti quelli degli altri paesi (che magari non hanno neppure il cinema) che cosa fanno, chiedono una linea ferroviaria?

        1. Scritto da Narno Pinotti

          1) La fermata ripristinata alla Ovest è proprio per il 5,02 e il 23,02 – e ci vorrebbe pure per il 6,02 e il 22,02 almeno. 2) Mia moglie e io andavamo sempre in treno a Bg, finché c’erano treni tardi; e ci andiamo ancora, se si rientra prima delle 21,30; ma è scomodo. 3) “sta scherzando,…” e i difensori dell’anonimato come diritto e garanzia mi spiegano quale libertà è minacciata dal firmarsi con nome e cognome in una discussione sui treni a Treviglio ovest in un forum locale?

          1. Scritto da sta scherzando....

            cosa c’entra la libertà su un discorso sui treni? E perchè bisogna mettere per forza nome e cognome per dissentire da proposte che per favorire tre o quattro persone (e sto abbondando) ne svantaggiano migliaia?
            Se Lei avesse fatto il pendolare come me per vent’anni forse capirebbe che su queste cose non si può sparare a vanvera.
            PS – Se ha bisogno del mio nome lo chieda alla redazione

          2. Scritto da Narno Pinotti

            Le famose migliaia di passeggeri sui regionali delle 5,02 e 23,02? O quelle sui treni quasi tutti vuoti che sfrecciano dalla Ovest? Sparare a vanvera, proprio. E siccome io il mio nome ce lo metto, devo dire cose vere: per esempio che pendolare per Bergamo e Milano sono stato per molti anni anch’io, e che anche oggi uso il treno spesso e ogni volta che posso su quella linea. Difficile invece esibire abbonamenti intestati a “sta scherzando”, o sbaglio?

          3. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

            Scusi ma invece a lei che fastidio da se uno si firma Mario Rossi o con un nome di fantasia?
            Lei pensa che il firmarsi Narno Pinotti sia garanzia di utenticità?
            Anch’io potrei postare qualcosa con il nome e cognome che usa per firmarsi, e nessuno avrebbe nulla da sindacare.
            Il firmarsi “sta scherzando” è del tutto simile a firmarsi con un nome o un cognome, dato che non esiste alcuno strumento che certifichi l’identità che sia applicabile.

          4. Scritto da Narno Pinotti

            Se pensa che tutto sia la stessa cosa, perché non prova a postare un commento fermandosi Narno Pinotti e a vedere che succede? Secondo me la redazione non glielo pubblica; ma se per sbaglio lo facesse, poi toccherebbe a me fare qualcosa. Lo dice lei: il nome è indifferente e uguale a qualsiasi pseudonimo: perciò se ci si nasconde pure per parlare di treni si è proprio inutilmente sgarbati e sciocchi.

          5. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

            E cosa farebbe, in quel caso? Mi denuncerebbe per leso nickname?
            Ma per cortesia, pensi più alla discussione e meno a queste sciocchezze, come se un nickname rispetto a un presunto nome e cognome facessero la differenza sulla discussione.
            Mi dica poi, cosa ha fatto lei per identificarsi? Si è forse registrato con CRS o CNS? Ha richiesto un pin ad un ufficio pubblico?
            La realtà è che lei mi pare sappia ben poco di come tecnicamente si può o non si può identificare un utente.

          6. Scritto da Narno Pinotti

            Per sapere che cosa farei non ha che da provare. Tutto il resto sono ciance.

          7. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

            Quindi è così che lei discute?
            Con minacce e intimidazioni?

            Quindi facciamo un veloce riassunto, lei attacca chi non la pensa come lei, senza entrare nel merito ma usando una scusa del tutto OT e vaneggiando intimidazioni senza alcun fondamento, ne tecnico ne di altro tipo.
            Che bella persona, davvero un esempio.

            Anzi sa che le dico? La segnalo io ai moderatori, visto che con questa farsa è andato abbondantemente OT (off topic semmai non lo sapesse).

          8. Scritto da Narno Pinotti

            Se mai non lo sapesse, “né” si scrive con l’accento. Per il resto, vedo che non raccoglie l’invito. Accetterò tutti i provvedimenti che i moderatori di BgNews prenderanno nei confronti di un lettore che si è sempre e solo firmato con il proprio nome e cognome con lo stesso e verificato indirizzo e-mail. Cordialità.

          9. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

            Grazie della correzione, un typo capita a chiunque.
            Mi spiace, ma il suo non è un invito ma una provocazione bella e buona, e non sono abituato ad abboccare ai troll.
            Ora mi auguro avrà l’accortezza di spiegare come è avvenuta questa certificazione, visto che il sito non prevede registrazione ne altra forma di autenticazione strong (crs, firma digitale o altro).
            Lei parla di una verifica che non esiste, è evidente che non sa di cosa sta parlando, eppure pontifica.

          10. Scritto da Narno Pinotti

            Insisto: “né” con l’accento. Sul modo in cui BgNews ha potuto più volte verificare che il mio indirizzo corrisponde a me, non devo nessuna spiegazione a uno che non sa che cosa sia la email, tanto meno se non si firma. Per lei il modo resta sempre quello: scriva un commento fermandosi Narno Pinotti e veda se glielo pubblicano. Tanto un nome o un altro è lo stesso, no?

  7. Scritto da Corrado

    Evidentemente il Comitato Pendolari Bergamaschi fa gli interessi dei pendolari di Bergamo ma non di Treviglio.
    E allora non rompano le scatole su possibili migliorie nella Bassa.
    Grazie

    1. Scritto da usiamo il cervello

      ma se le “migliorie” per la Bassa significano “peggiorie” (allungamenti di tempo) per Bergamo, che ha molti meno Treni di Treviglio, forse la possibilità di dirlo senza essere tacciati di essere “rompiscatole” dovrebbero averla…

  8. Scritto da andrea

    poi volete anche una saletta per il thè delle 17:00??