BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Niente tagli al Parco Colli Terzi: “Non mi dimetto Riproporrò il provvedimento”

L'assessore regionale all'Ambiente Claudia Maria Terzi commenta la decisione del Consiglio regionale di restituire i fondi al Parco dei Colli: “Non nascondo l'amarezza ma non arretreremo di un millimetro. Siamo pronti a ripresentare un provvedimento di pari contenuto”.

Il Consiglio regionale ha approvato la mozione presentata da Patto civico per chiedere alla Giunta di restituire i 90mila euro di contributi tolti al Parco dei Colli dopo l’accoglienza dei profughi alla Cà Matta: una decisione che non è andata giù all’assessore regionale all’Ambiente Claudia Maria Terza, pronta a dare nuovamente battaglia sulla questione, ferma sulle proprie posizioni.

L’assessore bergamasco, ex sindaco di Dalmine, in una lettera aperta ha tirato le orecchie ai colleghi di maggioranza assenti in Aula nel momento di una votazione tanto importante e si è detta pronta a ripresentare un nuovo provvedimento con gli stessi contenuti.

“Non nascondo la mia profonda amarezza – scrive Terzi -. In Giunta revocheremo comunque il provvedimento contenente il taglio delle risorse al Parco dei Colli, nel rispetto della decisione del Consiglio regionale. Questo però, sia chiaro, non vuole dire condividerne la scelta, figlia, ricordo, di alcune assenze in Aula tra i banchi della maggioranza nonostante l’importanza del momento. Come assessore e come Giunta non arretreremo di un millimetro. Semmai andremo avanti ancora più convinti di prima.

Come? Siamo pronti, come richiesto espressamente da me e dallo stesso presidente Maroni, a ripresentare immediatamente un altro provvedimento di pari contenuto. Perché ci sono delle regole ben precise, e non si possono rispettare solo quando fa comodo. La Regione e i soldi dei lombardi per i suoi parchi sono destinati per fini di recupero, conservativi e di valorizzazione dei beni naturali e ambientali. Le risorse finanziarie sono assegnate con queste finalità e obiettivi. Dunque non certo per utilizzi impropri come il ricovero di richiedenti asilo.

Come bergamasca non è stato facile tagliare le risorse al Parco dei Colli ma purtroppo è stato l’unico e il solo ad avere scelto di gestire i beni in altro modo, ossia incoerenti rispetto alle vere finalità del Parco stesso. La decisione della Giunta è stata dunque netta e trasparente, mettendo anticipatamente tutti al corrente: i finanziamenti che Regione eroga ai Parchi devono essere attribuiti esclusivamente a quelli che perseguono gli scopi previsti dalle disposizioni  stesse, a maggior ragione in considerazione del recente decremento delle risorse ad essi riservate. 

Un’ultima cosa, doverosa: qualcuno dell’opposizione ha chiesto le mie dimissioni. Ognuno fa il proprio mestiere ma mi domando che cosa dovrebbe fare allora il premier Renzi che va sotto in Aula ogni tre per due…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Renzi va sotto ogni 3 x 2 ? Allora dite a Salvini e soci di piantarla di fare sempre e solo propaganda e di chiedere le dimissioni ogni 3 x 2. Pezzoni mi sembra che sia ancora al suo posto. Maroni anche nonostante il suo vice … etc.

  2. Scritto da sheldon cooper

    avvocato terzi mi sa che stai imboccando la direzione sbagliata… a forza di parlarne ormai è chiaro a tutti che i 90.000 tolti al parco sono per una “ripicca politica”… è chiaro a tutti che quei soldi non sarebbero utilizzati per la gestione degli immigrati… è chiara a tutti la sfacciataggine con cui, una volta raggiunte posizioni di comando, a lei ed ai suoi amichetti interessi di più il bene del partito (e della sua illuminata filosofia) rispetto al bene di tutti… vergogna

  3. Scritto da Andrea

    Provo veramente disagio e imbarazzo nel vedere come l esiguita’ delle risorse venga manovrata ad arte… chissà forse nella convinzione che tutti i lettori sono sciocchi…la cifra tolta al parco (90.000 euro) è veramente irrisoria rispetto al bilancio di una regione che però ha stanziato 9 milioni per saldare i debiti della cattiva amministrazione di un comune, Cologno, guarda caso amministrato dallo stesso partito di terzi e di maroni. Vergogna.

  4. Scritto da Luca

    Per rispondere alla domanda dell’assessore Renzi dovrebbe dimettersi. Proprio come te.

    1. Scritto da Renzi

      Si, ma Renzi ne fa di peggio

  5. Scritto da martino

    Grazie Roberto Bruni, i democratici bergamaschi sono fieri
    che in Consiglio Regionale siedano politici tanto saggi.

  6. Scritto da pierangelo

    “i soldi dei lombardi per i suoi parchi sono destinati per fini di recupero, conservativi e di valorizzazione dei beni naturali e ambientali. Le risorse finanziarie sono assegnate con queste finalità e obiettivi. Dunque non certo per utilizzi impropri come il ricovero di richiedenti asilo” ma quali e quanti soldi sono stati spesi dal Parco per questo utilizzo improprio?

  7. Scritto da Merlino

    Sempre più soli e continuano ad urlare convinti di aver ragione, ma se per i profughi vengono stanziati 35 Euro al giorno, che senso ha tagliare i fondi al parco, mica li usa per i profughi.