BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Errore sul tabellone e nel risultato finale: si rigioca Albino-Marghera

La partita dello scorso 17 ottobre si era conclusa con un mare di polemiche: ora il giudice sportivo ha disposto la ripetizione del match tra la Edelweiss Fassi Albino e Giants Marghera.

Edelweiss Fassi Albino-Giants Marghera si rigiocherà: il 17 ottobre scorso la gara del campionato di A2 femminile si era conclusa in un mare di polemiche a causa di un errore nel calcolo del punteggio sul tabellone elettronico del palazzetto dello sport di Torre Boldone.

Al termine della partita gli arbitri avevano omologato il risultato con un 64-62 in favore della squadra bergamasca con le venete decise a far valere le proprie ragioni con un ricorso presentato immediatamente: nella tarda serata di martedì 3 novembre il giudice sportivo della FIP ha disposto la ripetizione della partita, riconoscendone falsato lo svolgimento e relativo risultato finale.

“Siamo soddisfatti – dice il presidente della Lega Basket Femminile Paolo De Angelisdella decisione presa dalla Fip perchè era palese l’errore commesso in sede di compilazione del referto. Questo è un esempio di grandissimo e fattivo fairplay: un plauso va alla società Albino che ha comunicato sia pubblicamente che direttamente agli organi giudicanti e ben prima della sentenza la propria volontà di ripetere la partita. Il movimento del basket femminile è un movimento pulito, sano e fondato su solidi principi di lealtà. Altri sport dovrebbero seguire questo esempio”.

Grande soddisfazione anche in casa Fassi Edelweiss: “La società ha accolto favorevolmente l’esito del ricorso inoltrato da parte di Giants Margera alla Corte d’Appello Sportiva che ha quindi predisposto la ripetizione della partita– commenta il general manager Fulvio Birolini e la presidentessa Graziella Morandi – A nome della società vogliamo ringraziare la Lega Basket Femminile nella persona del Presidente Paolo De Angelis per aver perorato sin dalle prime ore la giusta causa (e ribadiamo giusta e non nostra) e per le parole espresse dopo la sentenza definitiva. Ci teniamo infine a fare un plauso ai nostri tesserati e tifosi per aver tenuto durante tutta la vicenda un comportamento inappuntabile di sportività evitando le continue provocazioni ricevute, direttamente ed indirettamente, tramite social media. Nei prossimi giorni ci confronteremo con i referenti di Marghera per accordarci sulla data di ripetizione dandone successivamente comunicazione attraverso i canali standard”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.