BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sì ai fondi del Parco Colli Misiani: “L’assessore Terzi ora deve dimettersi”

“Giustizia è fatta”. E' il commento a caldo dell'onorevole Antonio Misiani alla richiesta del Consiglio regionale di restituire fondi tolti al Parco del Colli dopo l'accoglienza dei profughi.

“Giustizia è fatta”. E’ il commento a caldo dell’onorevole Antonio Misiani alla richiesta del Consiglio regionale di restituire fondi tolti al Parco del Colli dopo l’accoglienza dei profughi. La mozione presentata dal Patto civico ha avuto il via libera grazie al voto segreto. L’onorevole Pd Antonio Misiani ora chiede le dimissioni dell’assessore regionale Claudia Terzi: “Così pone rimedio ad una palese iniquità, che i parlamentari e i consiglieri regionali del Pd avevano denunciato con forza in tutte le sedi istituzionali. Questo voto è di fatto una sconfessione per l’assessore Terzi, che ora deve prenderne atto rassegnando le dimissioni dal suo incarico".  

Anche Dario Violi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, sottolinea la sconfitta dell’assessore Terzi: “E’ una sconfitta pesante per l’Assessore Terzi, sfiduciata dalla sua stessa maggioranza, su di un tema come quello dell’immigrazione che la Lega Nord affronta con ruspe, con atti impugnabili o con delibere su cui nemmeno il partito è d’accordo. Quella delibera punitiva e discriminatoria va cancellata come chiede la mozione. Privare infatti i parchi che garantiscono ospitalità ai richiedenti asilo dei finanziamenti regionali non ferma l’immigrazione e priva i parchi di risorse necessarie per la loro stessa sopravvivenza e la tutela dell’ambiente. Certo quest’atto di sfiducia nei confronti dell’assessore Terzi non depone per la tenuta di una maggioranza superficiale, senza idee e, peggio, divisa su tutto”.

Soddisfatti anche i consiglieri Pd Jacopo Scadella e Mario Barboni: “Una vittoria della ragione e una dura sconfitta di Maroni e dell’assessore Terzi, vera autrice e ispiratrice dell’azione punitiva contro il Parco – dichiarano Scandella e Barboni -. Una sconfessione che dovrebbe fare molto riflettere il presidente della Regione che nel voto sulla nostra mozione ha perso quasi la metà dei consiglieri. Ciò che conta ora è che il Parco potrà tornare a fare quello che sa fare bene, cioè tutelare il patrimonio naturalistico e paesaggistico che gli è affidato, senza dover pagare per aver dato accoglienza, su richiesta del prefetto, a persone che ne avevano davvero bisogno”.

"L’approvazione della mozione presentata dal Patto Civico, sottoscritta dal Pd e altri che chiede la revoca della decisione della Giunta di penalizzare gli Enti come il Parco dei Colli "rei" di aver accolto i richiedenti asilo è una scelta di buon senso, a cui va il mio plauso, che restituisce un po’ della dignità persa dalla Regione con il taglio dei fondi – commenta l’onorevole Elena Carnevali -. E’ un fatto politico rilevante, che disconosce la linea strumentalmente dura e senza senso dell’Assessorato all’Ambiente: nei fatti è una smentita politica dell’azione dell’assessore Terzi, che aveva difeso con le unghie e con i denti il provvedimento. A lei il trarne le conseguenze. Aggiungo infine che, se la solidarietà umana nel corso di tragedie come quelle che si stanno verificando in questi mesi in tutta Europa è dovuta, i profughi ospitati nel Parco dei Colli non sono stati dei semplici "mantenuti", ma hanno contribuito alla manutenzione del parco stesso in cambio dell’accoglienza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pedro

    complimenti all’avvocato terzi per la brillante figura!

  2. Scritto da luca

    La Ruspa la useranno gli elettori contro il PD…vedrai caro Misiani…

  3. Scritto da Trota Salmonata

    Le ritorsioni minacciate dalla signora Terzi confermano che prima di “usare la ruspa” bisognerebbe pensare, onde evitar danni. Forse non ha avuto il coraggio di farlo autonomamente, dovendo sottostare agli ordini del partito che l’ha collocata in un posto così ben remunerato. Ora il boomerang ha fatto il suo logico percorso, colpendo chi l’aveva lanciato noncurante dei drammi della disperazione.