BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rifiuti sotto la tangenziale Pierluca Locatelli condannato a sei anni

L'ex imprenditore di Grumello del Monte è stato dichiarato colpevole. Come lui anche la moglie Orietta Pace Rocca, condannata a quattro anni: i due dovranno risarcire la Provincia di Brescia per 577mila euro (più 50mila euro per i danni morali in solido con gli altri imputati), mentre altri 100mila, sempre in solido, dovranno essere risarciti ad ognuno dei Comuni di Orzinuovi e Orzivecchi.

E’ stato condanato a sei anni per frode in pubbliche forniture e traffico illecito di rifiuti l’ex imprenditore Pierluca Locatelli nell’ambito del processo riguardante i lavori di realizzazione della tangenziale di Orzivecchi.

 Secondo l’accusa, confermata dalla sentenza di primo grado,  Locatelli avrebbe nascosto nel sottofondo dell’area destinata ai lavori dei rifiuti non trattati.

Il giudice Vito Di Vita ha anche condannato a 4 anni e 6 mesi la moglie dell’ex imprenditore di Grumello del Monte, Orietta Pace Rocca.

Colpevoli sono stati riconosciuti, per il traffico di rifiuti, e condannati tutti a tre anni, i collaboratori di Pierluca Locatelli, Andrea Fusco, Giovanni Battista Pagani e Bartolomeo Beniamino Gregori e Angelo Suardi.

Gli imputati sono stati invece assolti per il reato di truffa "perché il fatto non sussiste".

Locatelli e la moglie, inoltre, sono chiamati a risarcire la Provincia di Brescia per 577mila euro, oltre a 50mila euro per i danni morali (in solido con gli altri imputati). E 100mila, sempre in solido, per ognuno dei Comuni di Orzinuovi e Orzivecchi. 

I collaboratori di Locatelli Fusco, Pagani, Gregori e Suardi sono stati assolti dall’accusa di frode in pubbliche forniture per non aver commesso il fatto.

L’allora dirigente della Provincia di Brescia, Bortolo Perugini, è stato assolto da ogni contestazione.

Martedì 3 novembre si è concluso il processo di primo grado, al termine dell’udienza gli avvocati della difesa hanno già annunciato che presenteranno ricorso in appello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.