BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Abbattuta femmina di camoscio con il suo piccolo, fermati 4 bracconieri

Gli uomini del corpo forestale di Pieve di Bono, nella valle del Chiese in provincia di Brescia, ha fermato quattro bracconieri che domenica pomeriggio hanno ucciso una femmina di camoscio con il suo piccolo.

Più informazioni su

Gli uomini del corpo forestale di Pieve di Bono, nella valle del Chiese in provincia di Brescia, ha fermato quattro bracconieri che domenica pomeriggio hanno ucciso una femmina di camoscio con il suo piccolo. Sono stati individuati in località Laghi Neri, a duemila metri di altezza. I quattro provenivano dalla Valcamonica. Gli uomini della Forestale erano impegnati proprio ad evitare azioni di bracconaggio. I due animali abbattuti sono stati sequestrati (e successivamente consegnati ad un’associazione locale di cacciatori), così come le armi dei quattro, mentre per loro è scattata la denuncia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio

    Cosa fanno sequestrano gli animali abbattuti e poi li consegnano ad un’associazione di CACCIATORI???? Ma dico stiamo scherzando?

  2. Scritto da Trabuk

    Concordo con il punto 1 e 2, per il 3 una sezione dei carabinieri o polizia (accorperei anche loro insieme alla finanza) segue quello che ora fanno i forestali. Un corpo solo con vari compiti… Con i risparmi potremmo assumere molto più personale!

    1. Scritto da accentramento

      “In Italia c’é sempre bisogno che il controllore venga da più parti controllato. Un controllore unico solo in cima alla montagna,no buono no buono!”

  3. Scritto da coniatore

    Molti cacciatori non sono diversi, per un capo che possono abbattere legalmente altri due se li prendono illegalmente, tutti sanno ma nessuno fa niente è una vergogna.

  4. Scritto da NON COL VENTO

    Solo per dire 3 cose: 1 Pieve di Bono si trova in provincia di Trento (dopo Ponte Caffaro), 2 questa feccia umana va punita in modo esemplare, 3 abolire il Corpo Forestale dello Stato è una grossa minchiata

    1. Scritto da BeRGHEM

      Concordo su ogni cosa che ha detto, in special modo sulla questione di abolire il Corpo Forestale dello Stato. Accorparlo ad un altro corpo, significa sminuire e indirettamente vanificare quanto di buono, la Forestale ha fatto da sempre: occuparsi di natura, delle oasi da essi gestite (chi le gestirà’ ora?), dei reati ambientali, raddoppiati in poco tempo, ed in special modo delle ecomafie. Sembra quasi un disegno diabolico. Lo trovo assurdo.

      1. Scritto da Timogn

        Il probblema é che anche il servizio di vigilanza provinciale in tal senso verra abolito,poi,chi vigilera? Secondo qualcuno dovrebbero farlo i”vigili”polizia locale. Ne vedremo delle belle…