BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Expo 2015, si chiude un’edizione da record Tu come l’hai vissuta?

L'esposizione internazionale si appresta a chiudere i battenti dopo sei mesi da record, dagli oltre 21 milioni di visitatori alle code chilometriche per l'ingresso nei padiglioni. Tu ci sei stato? E che ricordo di porterai della grande manifestazione?

Un’ottantina di eventi tra musica, spettacoli e degustazioni culinarie e una cerimonia di chiusura da urlo: sabato 31 ottobre Expo 2015 chiude i battenti con il botto. Dopo che per sei mesi il sito espositivo è stato letteralmente preso d’assalto da curiosi e visitatori, oltre 21 milioni, per la giornata conclusiva si attende un afflusso senza precedenti.

Per evitare di superare la capienza massima di oltre 250 mila visitatori i tornelli chiuderanno alle 17. Da quel momento in poi nessuno potrà varcare i cancelli e soltanto coloro che si troveranno già al suo interno potranno godersi le ultime ore della manifestazione.

Grandissima attesa per la cerimonia di chiusura che si svolgerà alle 18 all’Open Air Theatre. Contenuti e ospiti dell’evento sono top secret, come l’artista italiano e molto popolare che dovrebbe esibirsi. Certa invece la presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dei rappresentanti di altre importanti organizzazioni e istituzioni nazionali e internazionali.

Nel corso della giornata i diversi padiglioni organizzeranno feste conclusive e ospiteranno, per l’ultima volta, una serie di eventi e appuntamenti all’insegna del cibo, del teatro, dell’arte e della musica. Ce n’è per tutti i gusti: dall’esposizione del più grande pane al mondo alle sfide del cooking show, fino alla presentazione del primo sistema di bar robotico completamente automatizzato. Non mancheranno laboratori, conferenze, videoinstallazioni, balli e concerti. Per gli amanti della musica e per i più curiosi riflettori puntati sul padiglione della Cina dove, dalle 12 alle 16, si terrà la presentazione inedita della versione ovviamente cinese della canzone di Domenico Modugno “Nel blu dipinto di blu”. Nel giorno di Hallowen spazio ad iniziative dedicate alla festa più paurosa dell’anno tra dolcetti e scherzetti, anche se il regolamento dell’esposizione vieta a chiunque, grandi e piccoli, di presentarsi truccati e mascherati.

Alle 24 giù il sipario. Poi sarà tempo di ricordi, di bilanci e della celebrazione di un’edizione da record tra milioni di visitatori, padiglioni, curiosità e novità, ma anche lunghe attese e file chilometriche. Un evento che ha diviso: ha generato critiche e polemiche, ma anche entusiasmo e commenti positivi.

A questo punto le domande sono d’obbligo: come è stato il vostro Expo? Quali ricordi ti porterai di questa manifestazione? Commenta e di’ la tua.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesca

    quanta gente curiosa e quanta fatica per nulla, per vedere 4 filmati. e costruzioni di fantascienza

  2. Scritto da Max74

    IO ci sono andato con la famiglie ed è stato molto molto bello.sono fiero di essere italiano.

    1. Scritto da Mah

      Si sono spese cifre folli per allestire un imponente circo, trasformando zone agricole in deserto, sversando un mare di plastica e cemento. Si poteva agire diversamente, costruendo strutture durevoli (ecosostenibili!!) delocalizzandole in posti diversi, o migliorare realtà agroalimentari preesistenti, dando l immagine di una nazione lungimirante. Salvare il pianeta con hamburgers, ogm e coca da bere? è un film di fantascienza che solo all expo si può digerire.

  3. Scritto da Riccardo

    Tutti questi commenti tipici di chi ha la puzza sotto il naso e: “Io sono io e tutti gli altri sono dei poveri mentecatti”. Mi spiace che Bergamo News abbia tanti di questi lettori di “razza” superiore. Io ci sono stato e ho parlato con gente felice di esserci andata, qualcuno con qualche critica, ma ammirato, anche se inizialmente prevenuto, da alcuni padiglioni belli e interessanti. Chi non c’è stato sicuramente ha perso qualcosa.

    1. Scritto da Dario

      Guardi, se mi danno da gestire 15-17 miliardi di euro, vuol scommettere che anch’io riesco a meravigliare e stupire? E dopo aver fatto il fenomeno coi soldi degli altri, cosa lascio di concreto ad un paese da quarto mondo qual è l’Italia in questo momento? Dai che è stata la solita ostentazione di potere e sfarzo dei manipolatori di popoli

      1. Scritto da Riccardo

        Ma quanto è facile inventarsi delle cifre! Quando avremo i conti reali ,ne riparleremo. Intanto tutto questo ambaradan ha impiegato centinaia, o migliaia tra indotto e altro, di persone che se non ci fosse stata la manifestazione sarebbero state a casa a cercare un lavoro, ha incrementato il turismo in Lombardia, lo dicono le statistiche non io, e ha prodotto cultura, ah, ma con la cultura non si mangia, vero? E poi sono stufo di leggere: ostentazione di potere, manipolatori di popoli ecc.

        1. Scritto da Dario

          Vedremo come si nutrirà meglio il pianeta grazie a questo expo. I megashow sono belli, ma servono solo a chi li organizza! Sveglia!

  4. Scritto da Marco Cimmino

    22 milioni di biglietti per una media di 30 euro a biglietto (ci metto le gratuità, gli sconti serali, i pacchetti offerta) fanno 660 milioni di euro. Lo scherzetto è costato enormemente di più (dagli 11 ai 15 mld, a seconda dei calcoli): se domando quanta parte del pianeta si poteva effettivamente nutrire con una cifra del genere, visto che in tv ci chiedono 8 euro al mese per salvare un bambino africano, faccio della demagogia?

  5. Scritto da Walter

    Quanti soldi buttati al vento!…
    Che amarezza!
    Se al posto di ogni padiglione si costruiva un centro d’aiuto dove la gente muore veramente di fame,avremmo fatto qualcosa di concreto…..ah già..li però le persone paganti non ci vanno!

  6. Scritto da Steven

    un evento inutile non ci sono andato e ne sono fiero

  7. Scritto da Roberto

    Sara’ anche stato un grande evento ma per poi stare in fila ore ore ore per un padiglione assurdo. ….ci devi andare almeno 4 5 volte e sempre comunque per poi stare in fila ore ore ore ….ma che senso ha !!!!!

  8. Scritto da Sandro

    Un’edizione da record? Quali record? Su 7 miliardi di persone al mondo, sono 6 milioni gli stranieri venuti in Italia per Expo…… Un megashow psichedelico per distaccati dalla realtà quotidiana italiana. Pazienza…. Lunedì mattina riprendo a mandare in giro curriculum perché sono disoccupato

  9. Scritto da Carlo1957

    Tanti bei principi etici sbandierati solo a parole. Una nota impresa orobica che ha partecipato ai lavori di Expo, da più di due anni non mi paga un lavoro. Io sono in gravi difficoltà per chi fa profitti sulla pelle degli altri, ma questi sfoghi si posso no scrivere solo su Bergamonews. Non stupiamoci se poi qualcuno in crisi medita gesti inconsulti per la disperazione. Altro che “nutrire il pianeta”, la ricca Lombardia si compiace di se stessa senza vedere i “caduti sul campo”. Vergogna!

  10. Scritto da Timogn

    A me che Expo sia chiusa interessa veramente MOLTO poco. A me interessa di più il fatto che a breve chiudera anche il servizio di Vigilanza Ittico Venatorio ambientale della provincia di BG,chi combattera il bracconaggio fenomeno MOLTO in voga qui in provincia????

  11. Scritto da andrea

    non ci sono stato di principio, perché preferisco la fiera del turismo che si tiene in quel di milano a febbraio dove posso anche organizzare il mio futuro viaggio.

  12. Scritto da Sergio

    Una stupenda manifestazione. Io e mia famiglia ci siamo andati più volte. Esserci per capire il significato di Expo.Ci manchera’.
    Resta il sogno di un mondo migliore in cui credere.
    L’Italia e’ davvero un grande paese e la sua gente altrettanto.

  13. Scritto da XXX

    Quello la diceva spesso”il popolo é pecora”.

  14. Scritto da Venny

    Tutto bellissimo e progettato per esserlo (marcio o meno sotto il tappeto) costato l’ira di Dio. Tuttavia il paese reale ė Messina senza acqua potabile, Roma conciata com’è conciata, disoccupati Italcementi e tutti gli altri problemi dei “very normal people”