BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Banda costringeva ragazze a prostituirsi, tra loro una donna: condannata

Nell'ambito del medesimo processo, il giudice Alberto Viti ha inoltre rinviato a giudizio quattro suoi connazionali, sempre per sfruttamento della prostituzione. Sono invece stati stralciati i procedimenti a carico di altri cinque soggetti, sempre di nazionalità rumena, che al momento risultano irreperibili.

Ha patteggiato una condanna a 2 anni con sospensione condizionale della pena M.C., la donna rumena che faceva parte di una banda che costringeva ragazze a prostituirsi nella zona di Osio Sotto.

Nell’ambito del medesimo processo, il giudice Alberto Viti ha inoltre rinviato a giudizio quattro suoi connazionali, sempre per sfruttamento della prostituzione. Sono invece stati stralciati i procedimenti a carico di altri cinque soggetti, sempre di nazionalità rumena, che al momento risultano irreperibili.

La banda che gestiva il racket della prostituzione sulla ex statale 525 tra Dalmine e Boltiere, era stata smantellata nell’aprile del 2014 dai carabinieri di Bergamo, attraverso una serie di intercettazioni telefoniche. “Sposta quei rastrelli, non servono a nulla e ci perdiamo. È meglio rimettere un pinguino”, una delle frasi raccolte dagli inquirenti nel corso dell’indagine coordinata dal pubblico ministero Raffaella Latorraca.

Un’organizzazione strutturata, con sfruttatori che costringevano a prostituirsi anche le proprie compagne. Del clan facevano parte anche alcuni italiani, che erano i taxisti delle ragazze.

L’operazione era scattata dalla denuncia di di una di queste ragazze, una rumena che in Italia come ospite della cognata era costretta a prostituirsi sulla strada per contribuire alle spese di casa, ma una volta avviata alla prostituzione era stata vittima di minacce e soprusi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.