BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Amici dell’oncologia, ad Albino serata di musica e solidarietà

Venerdì 30 ottobre ad Albino è in programma una serata di musica e solidarietà a sostegno dell'associazione "Amici dell'oncologia Val Seriana - Val Cavallina" onlus.

Musica e solidarietà si incontrano ad Albino, in un concerto a sostegno dell’associazione “Amici dell’oncologia Val Seriana – Val Cavallina”.

L‘appuntamento, intitolato "3X2", è venerdì 30 ottobre alle 21 all’auditorium comunale.

A esibirsi saranno il sassofonista Gianluigi Trovesi, il pianista Gianni Bergamelli, la soprano Elena Bertocchi, le cantanti Veronika Kralova e Paola Milzani.

Il libretto di sala prevede musiche di operette, brani di film di Walt Disney e canzoni brasiliane. La voce narrante è quella di Alba Gentili, mentre le immagini che verranno proiettate sullo schermo sono scelte da Sandro Barcella.

L’ingresso allo spettacolo è libero, fino ad esaurimento posti, con la possibilità, da parte degli spettatori, di dare il proprio contributo a sostegno dell’associazione “Amici dell’Oncologia Val Seriana – Val Cavallina” onlus, che ha la sua sede nella struttura ospedaliera di Alzano Lombardo.

Nello specifico, alcuni volontari prestano servizio nel reparto e nei “day hospital” ad Alzano e a Clusone, altri invece si avvicendano per sbrigare compiti in segreteria oppure come autisti del servizio di trasporto pazienti, uno dei fiori all’occhiello dell’associazione. Si tratta di un servizio trasporto malati con auto proprie dell’associazione, dall’abitazione del paziente al presidio ospedaliero di riferimento, dove effettuare il ciclo di cura o specifiche visite mediche.

Sul palco, ad illustrare le attività dell’associazione salirà il suo presidente, Andrea Bertini, che richiamerà il pubblico ad una grande prova di generosità. Del resto, i servizi dell’associazione sono tanti: oltre al servizio trasporto, c’è l’assistenza al reparto di day–hospital e di degenza; l’assistenza domiciliare, attraverso l’impegno di alcune volontarie che operano come assistenti sociali e che hanno competenze infermieristiche; il supporto psicologico ed economico, in casi opportunamente valutati, per sostegno ai pazienti e alle famiglie più bisognose; il “Progetto Ascolto”; il “Progetto Aiuto alla Ricerca”; e la Casa di accoglienza “Don Aldo Nicoli”, ad Alzano per i malati oncologici, e i loro familiari, che venendo da fuori provincia o da lontano hanno bisogno di un’abitazione per essere vicino ai luoghi di cura.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.