BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Spray al peperoncino all’agrario di Treviglio 30 studenti in ospedale

L'allarme è scattato poco prima delle 9 del mattino di martedì 27 ottobre quando una sfilza di studenti, più di trenta sembra, hanno accusato malessere: prima una ragazza, poi altri compagni dell'Istituto Agrario di Treviglio, l'ITAS Cantoni.

L’allarme è scattato poco prima delle 9 del mattino di martedì 27 ottobre quando una sfilza di studenti, più di trenta sembra, hanno accusato malessere: prima una ragazza, poi altri compagni dell’Istituto Agrario di Treviglio, l’ITAS Cantoni.

I sintomi sono quelli di nausea e vomito: circa dieci sono stati trasportati in ospedale per essere sottoposti a un esame tossicologico per capire quale sia stata la causa scatenante. Secondo le prime informazioni la causa potrebbe essere stata uno spray al peperoncino portato a scuola per scherzo da una studentessa. 

Sul posto sono intervenuti il commissariato di Treviglio, insieme all’Asl locale e ai vigili del fuoco: gli studenti coinvolti sarebbero complessivamente 24, tutti sottoposti a controlli per escludere conseguenze più gravi della semplice nausea.

La scuola, durante i controlli, è stata momentaneamente evacuata ma non è emersa nessuna fuga di sostanze pericolose. 

Sul caso indagano gli agenti del commissariato di Treviglio, capitanati dal vicequestore Angelo Lino Murtas, che stanno svolgendo tutti gli accertamenti.  

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Contadino Orobico

    Ma insomma, siamo alla Scuola Agraria! Quindi il “Peperoncino nelle sue svariate utilizzazioni” poteva essere un argomento didatticamente coerente…

  2. Scritto da pablo

    in america succedono queste cose ma, visto che nel cassetto del comodino di papà c’è una pistola e non lo spray urticante, spesso i risultati sono decisamente più nefasti… magari i (numerosissimi) sostenitori della “giustizia fai da te” dovrebbero considerare anche questi “effetti collaterali”.

  3. Scritto da Flaminio

    Anche in questo caso la “deriva giustizialista” prevale: è stata una ragazzata i cui effetti la studentessa certo non poteva immaginare di così ampia portata e che non hanno né potevano mettere il pericolo nessuno. Certo da non ripetere.

    1. Scritto da Carlo57

      …alla faccia della “ragazzata”! Certe cose in Scuole più impegnative non succedono. Nei Licei classici e scientifici c’è più dedizione allo studio rispetto agli Istituti tecnici o professionali. Ci ho insegnato e lo so per esperienza.

      1. Scritto da Matilde

        “Ci ho insegnato?”….. ho insegnato….spero non abbia insegnato italiano pergiunta in un Liceo.
        le “ragazzate” possono verificarsi in qualunque scuola di ogni ordine e grado.

        1. Scritto da Silvia

          Guardi che la frase “ci ho insegnato”, nel contesto in cui è utilizzata, è corretta. Ecco cosa succede a insultare senza motivo chi la pensa diversamente da lei: una figura di m….! Le consiglio di riflettere prima di scrivere, o le sue opinioni per quanto valide non saranno prese sul serio. D’altronde sono d’accordo con lei sul fatto che le ragazzate si verifichino ovunque (ho frequentato il liceo classico fino a poco fa, lo so per esperienza). Saluti.

  4. Scritto da giuseppe

    la ragazzina ha sbagliato, ma la reazione è senz’altro esagerata e rischia di colpire anche ragazzi che non c’entrano nulla.

  5. Scritto da Giovanni

    Ma complimenti ecco come fare affondare il nome della propria scuola… da quello che ho saputo ci saranno provvedimenti penali oltre all’espulsione della ragazza

  6. Scritto da Edoardo

    No davvero…complimenti…diamo una spry al peperoncina una bambina che lo usa come un giocattolo!!!

  7. Scritto da Roberto

    Quindi? Fatemi capire: adessa la studentessa che ha portato il peperoncino non sarà sospesa?