BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Movida a Ferrara: polemica E l’assessore vuol dividere la piazza – Di’ la tua

Per fermare la movida nella piazza della Cattedrale l'assessore propone delle catenelle da trentamila euro. Ma scoppia la polemica.

Più informazioni su

E’ la movida delle notti universitarie ferraresi a mandare su tutte le furie il vescovo della città monsignor Luigi Negri, che definisce l’evento un ‘postribolo a cielo aperto’.

L’utilizzo della piazza della Cattedrale da parte di ragazzi in vena di fare baldoria sembra non andare giù all’autorità ecclesiastica che, ricordando che la piazza di fatto è un tutt’uno con la Cattedrale, condanna coloro che abusano di tale spazio mostrandosi irrispettosi nei confronti della Chiesa stessa.

Non è tutto. La strigliata del Vescovo è indirizzata anche all’amministrazione comunale, rea, a detta di mons. Negri, di permettere a migliaia di giovani di bruciare la loro vita con alcool e droghe, perdipiù in un luogo sacro.

A trovare il modo per evitare altre polemiche e tensioni è stato dunque l’assessore ai lavori pubblici Aldo Modonesi. La sua proposta, che va a toccare la parte di piazza di proprietà pubblica, è quella di predisporre delle ‘catenelle’ a corona a protezione del Sagrato.

Se da una parte c’è l’ok della Soprintendenza, dall’altra manca però il finanziatore dell’opera, per la quale si prevede un investimento di circa 30.000 euro. Più che giustificato l’esborso di denaro pubblico per l’assessore Modonesi e la giunta Pd di Ferrara; di ben altro avviso invece l’opposizione. Il consigliere indipendente eletto con Sel Leonardo Fiorentini reputa l’innesto di catene ‘del tutto inutile’, precisando che più che sui luoghi occorre intervenire sulle persone. Contrario anche il Movimento Cinque Stelle che ritiene che la filosofia del progetto vada di fatto in contrapposizione a quanto dichiarato da Papa Francesco che vorrebbe le chiese ‘luoghi aperti al mondo’.

Tu cosa ne pensi? Mandaci un commento.

Giulia Donati

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Loredana

    Meglio cambiare vescovo, oppure questo dovrebbe prendere alcune lezioni dal Papa Francesco il quale ci insegna che bisogna abbattere i muri. Inoltre deve studiarsi bene Sant’Agostino!!!

  2. Scritto da Pubblica e non censurare

    Ma che cazzo ce ne frega?

    1. Scritto da pòta

      Mi infilo qui cosi dò poco fastidio:forse era meglio scrivere qualcosina della zona contaminata dai metalli pesanti ad Albino accanto al fiume Serio,adesso finalmente il sindaco(che all’epoca della scoperta “gettava acqua sul fuoco”…)si é deciso a rendere la zona off limits…