BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il Comune di Bergamo regala 3.720.000 agli islamici”: occhio, è una bufala

E' stata condivisa da molti su Facebook la notizia pubblicata da “Voxnews” con questo titolo: “Il Comune di Bergamo regala 3.720.000 euro a islamici: per fare corsi di arabo”.

Più informazioni su

E’ stata condivisa da molti su Facebook la notizia pubblicata da “Voxnews” con questo titolo: “Il Comune di Bergamo regala 3.720.000 euro a islamici: per fare corsi di arabo”. Si tratta di una bufala. Innanzitutto il titolo è molto fuorviante, perché parla di 3.720.000 euro, cioè 3 milioni e 720 mila euro. Non è così. Il centro culturale islamico chiede da anni la concessione di alcune sale per svolgere corsi gratuiti di arabo. La Giunta comunale concede gli spazi comunali, così come alle altre associazioni, calcolando il mancato introito. In questo caso di parla di 3720 euro. “La Giunta PD concede spazi gratuiti (5 classi), da ottobre a maggio, tutte le domeniche, al Centro Culturale Islamico per tenere Corsi di lingua araba – scrive Voxnews -. E non si limiteranno certo a quello. E lo faranno a spese dei contribuenti”. Peccato che le stesse sale siano state concesse da quattro anni, anche quando governava Franco Tentorio con il centrodestra, Lega Nord compresa, a testimonianza si tratta di normali corsi di lingua.

I COMMENTI POLITICI Giacomo Angeloni, assessore di Palafrizzoni che tiene i rapporti con le comunità religione, commenta così: “La Lega insorge a Bergamo per la concessione ad una comunità islamica di una sala dove alcuni volontari svolgeranno gratuitamente un corso di arabo aperto a tutti. È un corso di arabo gratuito ed è il quarto anno che viene dato lo spazio, anche la giunta Tentorio l’ha dato”.

Per Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord “il Centro Culturale islamico può benissimo organizzare costi di lingua araba per i propri aderenti. La questione è: non poteva pagare gli spazi come fanno tutte le altre associazioni? Qual è la finalità di questa concessione gratuita, i cui mancati introiti ovviamente sono pagati dai cittadini di Bergamo? E ancora, i cittadini italiani che frequentano corsi di altre lingue non sono degni? Da un lato, dunque, si tartassano i cittadini con le multe ai motorini o con i telelaser in via Autostrada (ormai presenti quasi tutti i giorni) per far rispettare un limite assurdo che solo tecnici particolarmente astuti potevano deliberare, con l’avvallo della Giunta Gori. Dall’altro, si fa un favore agli "amici" islamici. Abbiamo capito quindi: le multe ai bergamaschi servono per "pagare" anche gli spazi concessi agli islamici”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberta

    Al di là della questione in sè, mi chiedo (e chiedo agli altri lettori di bergamonews): è giusto dare lo stesso identico diritto di voto sia a chi è in grado di analizzare la società e capire al volo che questa notizia è una bufala, sia a chi ci è cascato in pieno, e magari crede anche agli ufo, alle scie chimiche, ai cerchi nel grano, ecc?
    Fare parti uguali fra disuguali è la più grande ingiustizia della storia.

    1. Scritto da pedro

      hai ragione roberta… al di là della questione in se, solo quelli che hanno capito e capiscono tutto dovrebbero avere dei diritti… anzi, sai che ti dico, che forse dovresti votare solo tu, l’unica ad avere tutto chiaro.. e saresti anche l’unica candidata meritevole… una volta al potere come ci comportiamo con questa massa di decerebrati? un bel rogo? forni crematori? decidi tu!

      1. Scritto da roberta

        No.
        Votare non è un diritto fondamentale dell’individuo, come lo sono invece il nutrirsi, il lavorare, il diritto all’istruzione, il rispetto.
        Votare è una cosa complessa, che se fatta male può provocare conseguenze assai gravi.

        1. Scritto da La verità fa male

          Chi lo decide se un tizio “ha votato male”? Chi riesce a stabilire e a quantificare con precisione le “conseguenze assai gravi” provocate da uno o più persone che “hanno votato male”? Lo decide “roberta”? Ma ti rendi conto di quello che scrivi?

        2. Scritto da pedro

          giusto. per questo credo che tu debba prendere in mano le sorti del mondo e decidere per tutti. sei l’unica che può farlo. ciao neh

  2. Scritto da mitico ribo

    il buon ribolla si supera ogni giorno: “La questione è: non poteva pagare gli spazi come fanno tutte le altre associazioni?” Secondo me si, caro Alberto, e vorrei che tu spiegassi a me ed a tutti i cittadini perchè per 3 anni della vostra amministrazione avete concesso a questa gente la sala gratis! ed anche perchè non davate le multe alla gente in divieto.

  3. Scritto da Franco

    Ma vaglielo a dire ai boccaloni