BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Libera sbarca a Dalmine: due incontri per conoscere e combattere le mafie

Venerdì 23 ottobre e venerdì 6 novembre a Dalmine sono in programma due appuntamenti con Libera per conoscere e combattere le mafie.

Conoscere le mafie per prevenirle e combatterle. Il Presidio di Libera della Bassa Pianura Bergamasca, intitolato ai testimoni di giustizia, torna a Dalmine con due importanti appuntamenti di informazione.

Il primo, dal titolo “Le mani delle mafie sul territorio bergamasco”, è stato organizzato in collaborazione con il Comune di Dalmine (e con i Comuni di Boltiere, Ciserano, Levate, Osio Sopra, Osio Sotto e Verdellino e con il contributo della Bcc di Treviglio). Francesco Breviario, referente del coordinamento provinciale di Libera per i rapporti con le amministrazioni pubbliche, mostrerà come le mani delle mafie si siano allungate da tempo anche sulla Lombardia e sulla Bergamasca. L’appuntamento è venerdì 23 ottobre, alle 20.45 nella sala civica di Dalmine.

Il lavoro di Libera sul territorio dalminese e per i dalminesi non si concluderà il 23 ottobre: venerdì 6 novembre, infatti, è in programma un secondo incontro dal titolo “Vittime di mafia: l’obbligo di fare memoria” con l’intervento di Michele Giordano, fratello di Gaetano Giordano ucciso dalla mafia il 10 novembre 1992. L’appuntamento (sempre alle 20.45, nella sala civica) è stato ideato dall’organizzazione di Libera con il Comune di Dalmine per far capire quanto è importante – sia per i parenti delle vittime di mafia, più di 15mila in tutta Italia, sia per l’intera società – fare memoria, ricordare, mantenere in vita quelle persone che hanno creduto, fino al sacrificio finale, alla legalità e alla giustizia, al dovere della legalità, al dovere della ricerca di giustizia. Il sindaco Lorella Alessio spiega: "Già a novembre dello scorso anno abbiamo aderito alla campagna di sensibilizzazione contro le mafie e la corruzione ‘Riparte il futuro’, ora patrociniamo questi incontri perché crediamo sia doveroso sostenere ogni iniziativa che promuova la cultura della legalità. Insieme al Presidio di Libera della Bassa Pianura Bergamasca invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare a queste due serate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.