BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gruppo Albini rescinde contratto con la NK: a rischio 70 posti

Il Gruppo Albini rescinde il contratto con la NK di Ceto, in Valle Camonica. L'amarezza e la rabbia tra i 70 lavoratori che, se fosse confermata la rescissione del contratto, si troverebbero senza prospettive di lavoro.

Più informazioni su

Amarezza e rabbia tra i 70 lavoratori della NK di Ceto, in Valle Camonica: il lavoro della filatura della Valle Camonica è a rischio dopo che il principale committente – il Gruppo Albini – ha comunicato la rescissione del contratto.

Il Gruppo Albini presentando la propria articolazione produttiva (sede centrale ad Albino, uno stabilimento a Brebbio in provincia di Varese, due in Egitto, uno nella Repubblica Ceca) a proposito della fabbrica in Valle Camonica, scrive sul proprio sito Internet: “L’attenzione alle materie prime è stata nuovamente confermata nel 2012 con l’inizio della produzione diretta di filati di altissima qualità nella nuova linea di filatura all’interno dello stabilimento di Ceto. Qui il Gruppo Albini, in partnership con il Gruppo Niggeler & Küpfer, abbina alla produzione di filati un’intensa attività di ricerca e sviluppo per ottenere filati e, quindi, tessuti ancora più innovativi”.

Un progetto naufragato – stando alle dichiarazioni fatte dalla direzione della NK in un incontro con le organizzazioni sindacali avvenuto nella sede dell’Associazione Industriale Bresciana – per la perdita di mercato del prodotto realizzato nella filatura di Valle Camonica. Una motivazione che non convince Femca Cisl e Filctem Cgil, visto che “il contratto di solidarietà in vigore dal primo gennaio 2015 è stato firmato a fronte di investimenti e obiettivi a medio e lungo termine”.

“Se la decisione di recesso del contratto con il committente principale dovesse essere definitiva – scrivono le organizzazioni sindacali in un comunicato – l’impatto sociale sarà pesantissimo in quanto ricadrà su un territorio già colpito dalla crisi industriale e privo di alternative occupazionali”.

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto un confronto con il Gruppo Albini e intendono coinvolgere nella vertenza le istituzioni locali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da TT

    Sono stanco di accendere la tv,e sentire che expo é stata un successo,siamo quasi quasi fuori dalla crisi ecc ecc, e poi leggere queste devastanti notizie per la vita di esseri umani. Sono stanco.