BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Serata blues a Treviglio, Guy Davis e Fabrizio Poggi presentano “Juba dance”

Domenica 25 ottobre al teatro Nuovo di Treviglio è in programma una serata blues con Guy Davis e Fabrizio Poggi. I due artisti presentano "Juba dance", a lungo in testa nelle classifiche di settore americane.

Domenica 25 ottobre a Treviglio è in programma una serata blues con Guy Davis e Fabrizio Poggi. L’appuntamento è alle 21 al teatro Nuovo, in piazza Garibaldi.

Dopo l’inizio con il sold out di Richard Thompson e il suo Electric Trio, domenica 25 ottobre è la volta del bluesman americano Guy Davis, artista che ha ricevuto numerose nominations ai Blues Music Awards, inclusa quella per il miglior disco dell’anno con "Juba Dance", a lungo in testa nelle classifiche di settore americane, sua prima collaborazione con l’altrettanto prestigioso armonicista italiano Fabrizio Poggi, unico artista europeo nominato ai Blues Awards americani, con il quale condividerà il palco per presentare "Juba Dance" ma anche il nuovo album "Kokomo Kidd".

“Juba dance”,  inciso per l’etichetta franco americana DixieFrog, suggella la collaborazione di vecchia data tra il celebre bluesman statunitense e l’armonicista italiano (ma ormai di caratura internazionale), coproduttore dell’album e protagonista con la sua armonica in diversi brani. Un disco acustico, di autentico blues, essenziale e coinvolgente in cui voce, chitarra, banjo e armonica sono al centro della scena.

Fabrizio Poggi e Guy Davis hanno presentato il disco in Europa (Inghilterra, anche alla Bbc,  Francia, Belgio, Olanda, Scozia…)  e negli Stati Uniti con concerti in Kansas, Georgia, Alabama, Illinois, Nebraska, Iowa e Wisconsin. "Juba dance" è stato per 8 settimane al primo posto nella classifica dei dischi più trasmessi dalle radio blues americane su Roots Music Report nella Blues Radio top 50 (davanti a Tedeschi Trucks Band, The Rides, Buddy Guy e Eric Clapton…).

Il disco è stato candidato ai Blues Music Award 2014 (gli Oscar del blues) come miglior album acustico dell’anno e gli è stato assegnato il Jimi Award. Guy Davis (classe 1952) non è solo un grande chitarrista, banjoista, armonicista e cantante ma anche un attore di talento. Un talento nato in ambito familiare visto che è il figlio di Ruby Dee e Ossie Davis, celebri attori, registi e attivisti per i diritti civili degli afroamericani. Da loro ha ereditato la passione per le storie, che racconta attraverso la sua musica sempre nel solco della tradizione.

Guy Davis afferma: "Una buona storia può portarti dove non sei mai stato, farti incontrare persone che non conosci; farti andare lontano”. Nei suoi concerti, nei quindici dischi all’attivo che gli hanno valso numerosi riconoscimenti,  mette in scena storie e canzoni che, viaggiando sulle strade blu, le strade secondarie dell’America minore, parlano di  personaggi di ogni sorta in un vortice narrativo giocoso e ironico ma anche denso di mistero e di dramma.

Sono storie che parlano di canzoni attorno al fuoco, di “beautiful losers”, di schiavi che scappano con cani feroci alle calcagna e vagabondi che rubano uova nei pollai per riuscire a mangiare qualcosa. Storie che parlano di contrabbandieri di whisky dal cuore tenero e che si snodano tra le paludi infestate da insetti giganti tra Mississippi e Louisiana; e di contadini che suonando l’armonica raccontano storie attraverso quel piccolo strumento. Storie di gente di campagna che lavora sodo per mantenere famiglie numerosissime e in cui l’unico sollievo è il blues suonato da un vecchio zio. Storie a volte durissime che parlano di ragazzi impiccati, di Ku Klux Klan e di gente che deve ballare per salvarsi la vita al crocicchio, al cross road. Storie in cui peccato e redenzione camminano insieme.

Fabrizio Poggi, cantante e armonicista, scrittore e giornalista, premio Oscar Hohner Harmonicas, 19 album incisi, di cui cinque registrati negli Stati Uniti, ha suonato con tanti grandi del blues, del rock e della canzone d’autore tra cui Garth Hudson di The Band e Bob Dylan, The Blind Boys of Alabama, Marcia Ball, Jerry Jeff Walker, Zachary Richard, Flaco Jimenez, Little Feat, Charlie Musselwhite, John Hammond, Sonny Landreth, Bob Margolin, Ronnie Earl, Steve Cropper, The Blues Brothers Band, Richard Thompson, Eric Bibb e  Otis Taylor. È apparso alla televisione americana Cbs e alla Bbc inglese.

L’iniziativa rientra tra le proposte della prima edizione della rassegna "A touch of blues and folk" che si concluderà giovedì 3 dicembre con un concerto del bluesman Eric Bibb. E ancora una volta sul palco con lui, nelle vesti di ospite, ci sarà Fabrizio Poggi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.