BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’allarme dei concessionari americani di McDonald’s “Rischiamo di chiudere”

Secondo un'indagine condotta dall'Indipendent, la famosa catena di fast food starebbe attraversando un periodo di crisi, tanto da rischiare la chiusura.

Più informazioni su

McDonald’s starebbe attraversando un periodo di crisi e rischierebbe la chiusura. È questo il clamoroso risultato di un’indagine condotta dall’Indipendent tra i concessionari americani della più famosa azienda di fast food.

Secondo quanto riportato dall’autorevole giornale americano, il programma di rinnovamento che l’azienda ha implementato da sei mesi a questa parte non ha dato i risultati sperati.

In sostanza le principali novità come la colazione 24 ore su 24 e la personalizzazione del menù non sono riuscite a risollevare le vendite, che, anzi, da un paio di anni fanno registrare un pericoloso segno negativo.

A ciò si aggiunga la crescita dei rivali del settore e la diffusione, sempre maggiore, di pratiche di alimentazione sana.

Dai dati forniti dall’Indipendent emerge anche un certo malcontento tra i dipendenti di McDonald’s: il loro indice di gradimento è di poco inferiore all’1,7 lungo una scala da 1 a 5. Le motivazioni di questo malcontento vanno rintracciate nelle difficili condizioni lavorative e proprio nel mancato successo delle innovazioni adottate dall’azienda che, anzi, non farebbero altro che complicare il lavoro dei suoi dipendenti.

Si tratta di numeri e indicazioni non troppo incoraggianti.

Già nel mese di Aprile McDonald’s aveva annunciato la chiusura di oltre 700 fast food. Certamente un numero non elevato se si considerano gli oltre 30.000 punti aperti in tutto il mondo, ma in ogni caso un segnale di crisi che non lascerà indifferenti i milioni di amanti e consumatori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cosebuone

    mi spiace naturalmente per i posti di lavoro che andranno persi,( anche se da quanto si sente in giro siamo prossimi allo schiavismo sotto queste grandi catene…), ma la notizia della chiusura di questi “dispensari” di junk food non puo’ essere che buona per l’umanita’ intera. Che poi io non ho mai capito ma quanto ci vuole a cucinare una pasta, una bistecca, un uovo al tegamino o un’insalata?!? Tutto molto piu’ sano e si risparmia un bel po’ di soldi!