BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Kronos, il grifone “morto” a Bergamo era volato fino in Corsica – Video

Il grifone di sei mesi rilasciato in Friuli Venezia Giulia lo scorso 1 settembre, non era deceduto in provincia di Bergamo, come pensava chi lo aveva in cura non ricevendo segnali dalla radiotrasmittente: ha attraversato mezza Italia verso occidente ed è stato ritrovato in Corsica.

Kronos non era deceduto in provincia di Bergamo, come si pensava. Il grifone di sei mesi rilasciato in Friuli Venezia Giulia lo scorso 1 settembre, ha attraversato mezza Italia verso occidente, ha solcato il Tirreno percorrendo 100 chilometri nel tratto più breve ed è stato ritrovato in Corsica.

Un lungo e avventuroso viaggio mentre gli staff del Parco Natura Viva di Bussolengo e della Riserva Naturale Regionale del lago di Cornino temevano il peggio. “La radiotrasmittente che avevamo applicato sulla schiena di Kronos ha cominciato a dare il segnale di mortalità il 12 settembre sulle prealpi nei pressi di Bergamo, precisamente nel giardino di un’abitazione”, spiega Fulvio Genero, responsabile scientifico del progetto “Grifoni Osservati Speciali”, sostenuto dal Parco Natura Viva di Bussolengo come zoo capofila di UIZA, l’Unione Italiana Zoo e Acquari.

“Significa che l’apparecchio non registrava più nessun movimento e non era un buon segno. Ma dopo numerosi controlli, nessuna traccia né dell’animale, né della radio.” Solo alla fine di settembre, si scopre che la radiotrasmittente si era sfilata dalla schiena di Kronos ed era caduta sul tetto della casa.

“Persa la radio, a Kronos rimaneva solo l’anello identificativo con la sigla F65, che speravamo qualcuno individuasse”, ricorda Genero. La telefonata è arrivata alla Riserva Naturale del Lago di Cornino due giorni fa: Kronos è stato avvistato il 5 ottobre mentre, da buon grifone giovane e affamato, si stava mangiando una pecora morta. A scorgerlo è stato il sindaco di Belgodere, un paesino sulla costa nord della Corsica. Era in buona salute, un po’ stanco, ma non magro.  

“Ha dell’incredibile che un esemplare così giovane rimanga oltre un mese da solo in un ambiente totalmente sconosciuto riuscendo a trovare cibo autonomamente conclude Genero – . E che percorra distanze così lunghe per le quali è necessaria grande esperienza e dispendio di energie. In Corsica la vita non è facile, non ci sono grifoni e il cibo è scarso. E’ facile pensare che potrà unirsi alla colonia di grifoni che vive in Sardegna”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ma anche no

    che fantastiche creature,peccato solo la nostra arrogante presenza su questo pianeta

  2. Scritto da TT

    Sarebbe fantastico un giorno rivedere i Grifoni(gia presenti qui da noi un tempo che fu)volare sulle nostre vette!

  3. Scritto da M.

    Buona fortuna, giovane grifone