BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Autobus in provincia, senza soldi da gennaio corse solo per gli studenti

Conseguenze “disastrose”. Non esita ad utilizzare questo aggettivo il presidente della Provincia Matteo Rossi nella lettera inviata a Regione Lombardia per chiedere un sostegno economico al trasporto pubblico.

Più informazioni su

Conseguenze “disastrose”. Non esita ad utilizzare questo aggettivo il presidente della Provincia Matteo Rossi nella lettera inviata a Regione Lombardia per chiedere un sostegno economico al trasporto pubblico. Negli ultimi dieci anni i trasferimenti regionali si sono ridotti di 5 milioni di euro e nelle casse di via Tasso non c’è più nemmeno un centesimo.

Senza soldi c’è solo una conseguenza: taglio dei chilometri, a tal punto da sacrificare tutte le corse non scolastiche. Tradotto in termini chiari: bus di prima mattina fino all’entrata a scuola, stop, ritorno a casa, stop fino al giorno dopo. I pullman non potranno che “limitarsi, per quanto possibile, all’effettuazione di un minimo servizio scolastico – si legge nella lettera inviata alla Regione -, mentre gli altri utenti si ritroverebbero sostanzialmente impossibilitati a fruirne. Si rende assolutamente necessario un immediato intervento da parte di Regione Lombardia a favore della provincia per un importo di 5,5 milioni di euro”.

L’assessore regionale alla Mobilità Alessandro Sorte per ora non può che inoltrare la lettera al governo, che nella presentazione della legge di Stabilità ha confermato i tagli alle Province.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leo

    Quando regioni e comuni si porteranno in casa quanto previsto dalla riforma Del Rio delle Province ?

  2. Scritto da il polemico

    nel frattempo,da 4 anni a sta parte,l’italia ha dato 60 miliardi alla grecia,decine di miliardi al fondo salvastati-banche,decine di miliardi alla bce,soldi che difficilmente verranno stornati,ora di che ci si lamenta?si continua a volere che l’europa detti l’agenda , quindi rassegnamoci…..

  3. Scritto da coniatore

    Si rivolga al suo partito e al suo Renzi invece di continuare a fare parole su futuri di aree vaste e altre simili amenità, non vede che ha un buco da 30 milioni, non ha i soldi per tappare le buche alle strade, non sa come pagare i dipendenti, non ha i soldi per i trasporti, non ha i soldi per la galleria di Zogno e lui che fa? Anzichè concentrarsi sul concreto fa andare a fondo la Provincia, progetta il futuro degli altri, da che pulpito!!

    1. Scritto da Fabio

      Quando la politica tocca qualcosa, la distrugge! Fuori i politici dai servizi per i cittadini. È ora di finirla di usare i vertici di aziende eroganti servizi al cittadino, come poltronificio di consolazione (anche cumulativo con altre poltrone) per politici trombati!

    2. Scritto da Alà Barlafüs

      Come dice l’articolo ci sono anche 5 milioni in meno dalla regione, ci sono i disastri lasciati da Lega-centrodestra , ad es i 16 milioni del supporto scolastico ad alunni in difficoltà, la variante di zogno, le strade della provincia alle quali non è stata fatta manutenzione per anni e anni (la Provincia leghista era arrivata a mettere limiti di 50 km/H per pararsi il ….. ) , adesso chi le manutenziona TUTTE insieme ? Neanche san gennaro !

      1. Scritto da Magister

        E’ Renzi e il PD che demagogicamente hanno abolito (o ridotto in queste condizioni) le province, prima amministravano non bene? può darsi, adesso è per legge che i cittadini non devono più avere i servizi, Rossi borbotta ma sta al gioco cioè non esce da un partito che ha ridotto cosi i territori, dice la Provincia dei Comuni ma che vuol dire? Sono i Comuni che a questo punto non vogliono una Provincia eletta dai partiti che non rappresenta il territorio.

  4. Scritto da Lapalisse

    Semplice, si rivolga agli onorevoli bergamaschi del suo partito, se non sbaglio il PD, che andranno dal loro Presidente del Consiglio per risolvere il problema, magari si chiederanno anche come fanno a gestire il trasporto pubblico le altre 109 province italiane, nonché le altre 10 lombarde, chissà, c’è sempre da imparare…

    1. Scritto da Giulio

      Anzitutto bisognerebbe rivolgersi a chi ha amministrato la provincia fino ad un anno fa !!! Lapalissiano, no ?

  5. Scritto da Geremia

    Pesano di più i mancati trasferimenti Regionali o quelli Statali ? Domanda sciocca ovviamente, vedano di fare in fretta le procedure per ridistribuire a regione e comuni le attività che debbono esserlo. Possibilmente senza mettere i bastoni tra le ruote (tutti).

  6. Scritto da Alberto

    ‘nnamo bbène…

  7. Scritto da G. Lebowski

    Chissa che non sia la volta buona per rivedere sulle strade un po di cari vecchi autostoppisti…

  8. Scritto da Matteo Gelmi

    I soldi che il governo destina al trasporto pubblico sono sempre di meno,ma questo i signori della provincia, della regione e i direttori delle aziende di trasporto pubblico già lo sapevano e da tempo! Perché non iniziare ad ottimizzare le risorse anche per quanto riguarda gli stipendi, i bonus, le carte di credito aziendali dei Manager d’azienda?Perché questi signori devono percepire due stipendi più i bonus, quando il servizio fa acqua da tutte le parti e, come dicono, c’è la crisi?