BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aruba, là dove c’era la storica Legler, ora spazio all’informatica

A Briolo di Ponte San Pietro al posto dell'azienda tessile ora c'è la realtà virtuale, ma non troppo soprattutto per chi ci lavora: quella dell'informatica di Aruba spa.

Là dove c’era la storica Legler ora c’è Aruba.

A Briolo di Ponte San Pietro al posto dell’azienda tessile ora c’è la realtà virtuale, ma non troppo soprattutto per chi ci lavora: quella dell’informatica di Aruba spa. 

E’ realtà da questo mese di ottobre dopo che il gruppo toscano ha acquistato l’area, a cominciare dalla centrale idroelettrica in estate e successivamente gli spazi dell’impresa che ha fatto la storia di Ponte San Pietro ma anche dell’intera Isola bergamasca: spazi per 60mila metri quadrati e un’operazione da 10 milioni di euro.

L’area torna quindi a prendere vita a quasi cinque anni esatti dal fallimento dell’allora Texfer, il 29 ottobre 2010, grazie alla Rota Nodari di Almnenno San Bartolomeo, azienda edile che sta svolgendo lavori di manutenzione straordinaria sulla palazzina uffici dell’ex azienda tessile: la volontà del gruppo toscano, leader in Italia per domini, hosting, cloud, server dedicati, e-security e pratiche online, è quella di essere operativa nella sua nuova filiale bergamasca già dal gennaio 2016. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pierluigi Toccagni

    Aruba è un’indubbia eccellenza italiana dei servizi per il trattamento dati. Ha fatto un affare comprando sottocosto tutta l’area ex Tesfer ed ex Legler: 168.700 mq. di superficie, di cui per ora prevede di utilizzarne il 9% e circa il 7,5% delle superfici coperte, più la piccola centrale idroelettrica di là dal fiume. E il resto con i problemi? Impianti fatiscenti dei trattamenti chimici e depurazione acque? Edifici di pregio storico di fine ‘800? Territorio devastato e fiume inaccessibile?

  2. Scritto da Alessandro

    Io alla LEGLER ci ho lavorato 13 e vederla vuota mi piangeva il cuore adesso son contento

  3. Scritto da Alberto

    Contento di essere cliente di Aruba…

  4. Scritto da Mario

    Piuttosto che vederla abbandonata o peggio ancora vedere un altro centro commerciale é stato meglio svendere ad Aruba, società leader nel suo settore. Nuovi posti di lavoro per il territorio. Io sono contento.

  5. Scritto da Giuliano Olivati

    Immobile industriale andato a-ruba: € 175/mq : D