BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Iniziati i lavori per la passerella di Christo sul Sebino

La passerella di Christo muove i primi passi. A Montecolino di Iseo, sede operativa del progetto che prevede la costruzione di una passerella fluttuante per camminare sulle acque del Sebino, sono stati messi in acqua i primi blocchi di polietilene per verificarne tenuta e sicurezza.

La passerella di Christo muove i primi passi. A Montecolino di Iseo, sede operativa del progetto che prevede la costruzione di una passerella fluttuante per camminare sulle acque del Sebino, sono stati messi in acqua i primi blocchi di polietilene per verificarne tenuta e sicurezza.

Si tratta di un’installazione ideata e finanziata (10 milioni di euro!) dall’artista bulgaro Christo Valdimirov Yavachev, che permetterà a tutti i visitatori, secondo le stime circa 200 mila, di attraversare il Sebino e di raggiungere a piedi Monte Isola, fino all’isoletta di San Paolo, partendo da Sulzano.

Un’impresa grandiosa, i cui numeri sono impressionanti.

Settantamila mila metri quadri di tessuto giallo cangiante, 200 mila cubi di pontili galleggianti in polietilene ad alta densità.

L’installazione si svilupperà seguendo il movimento delle onde: The Floating Piers, la società che si sta occupando della sua costruzione, creerà sul lago un percorso pedonale di oltre tre chilometri con pontili larghi 16 metri.

Fondamentale la collaborazione con le autorità locali, consapevoli dell’importanza di un progetto che permetterà al territorio del Sebino di ospitare una delle più grandi opere d’arte moderna, garantendo alla zona una notorietà mondiale.

Per questo la macchina organizzativa si è già messa in moto per ridefinire orari dei battelli e mezzi pubblici, verificare la navigazione privata e gestire al meglio la questione parcheggi, indispensabile per ospitare la folla di gente prevista.

Per tutti i visitatori appuntamento dal 18 giugno al 3 luglio 2016. Il progetto è appena partito, ma l’entusiasmo per l’iniziativa sta contagiando tutti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Daniele

    Per questo progetto vengono fatte assunzioni a tempo determinato?

  2. Scritto da Christine

    L’intera opera è pagata dall’artista.

  3. Scritto da Pinuccia

    Bella idea, chi paga?

    1. Scritto da chipaga

      pagano quelli che commentano senza leggere gli articoli!

    2. Scritto da Gab

      Leggi l’articolo magari. (Suggerimento: lui. )

    3. Scritto da Leggiamo tutti insieme

      Su, rileggiamo tutti insieme bene l’articolo!

  4. Scritto da reduce

    Dal 18 giugno al 3 luglio, sedici giorni? Non sono un po’ pochini? Sono reduce da una giornata all’expo, sopravvissuto a code spaventose. Se una persona normale dopo un po’ si stufa e decide di tornare indietro, deve andare a mollo, non potendo camminare sulle acque come quell’altro.

  5. Scritto da incompreso

    Fantastico. Un’opportunità eccezionale per il territorio.

  6. Scritto da Kurz

    Christo! Finalmente una bella notizia! Arriva un’opera pubblica che, essendo regalata e quindi in grado di evitare gli appetiti dei potenziali imprenditori-speculatori, non darà spazio a truffe, tangenti, lungaggini burocratiche, ricatti.

    1. Scritto da Mike

      Già, già…. Qui si campa di aria e pura gloria…. Ma dove vivi?

    2. Scritto da katia

      leggi beneeee!i protocolli trasparenti? Dove???

    3. Scritto da Rob

      Ma la garanzia che l’opera sarà completata nei tempi previsti viene dal fatto che sarà realizzata a partire dalla sponda bresciana! Fosse stata progettata a Bergamo avremmo speso 10 anni a discutere se valesse veramente la pena di realizzarla. Poi ci sarebbero mille intoppi, poi le proteste dei verdi, e alla fine si scoprirebbe che il polietilene causa un innalzamento dei livelli di qualche elemento chimico nel lago. Opera interrotta e passerella utilizzata solo dagli aspiranti suicidi.